loader

Principale

Trattamento

Ascesso

io

Abscess (lat. ascesso ascesso; sinonimo di ascesso)

accumulo delimitato di pus in vari tessuti e organi. A. dovrebbe essere distinto dal flemmone (infiammazione purulenta diffusa dei tessuti) e dall'empiema (accumulo di pus nelle cavità del corpo e negli organi cavi). Molto spesso, l'insorgenza di A. è causata da un'infezione purulenta (infezione purulenta), i cui agenti causali (stafilococco, E. coli, Proteus, ecc.) Penetrano dall'esterno (infezione esogena). Inoltre, ci sono frequenti casi di infezione endogena durante la diffusione del processo o il trasferimento di agenti patogeni da organi vicini o distanti: ad esempio, odontogeno, para- e peritonsillare, A. subfrenico, A. metastatico dei polmoni, cervello, reni, cuore, milza, ecc. ( (Guarda la figura). L'introduzione di soluzioni concentrate di farmaci nei tessuti, ad esempio una soluzione al 25% di solfato di magnesio, può essere accompagnata da necrosi asettica seguita dalla formazione di un ascesso.

Una caratteristica di A. è la presenza di una membrana piogenica - la parete interna di una cavità purulenta creata dai tessuti che circondano il centro dell'infiammazione (una manifestazione di una normale reazione protettiva del corpo). La membrana piogenica è rivestita di tessuto di granulazione, delimita il processo purulento-necrotico e produce essudato.

Con A. localizzato superficialmente, le manifestazioni locali sono caratterizzate da segni classici di infiammazione (arrossamento, gonfiore, dolore, febbre locale, disfunzione), a volte è determinato il gonfiore. Con la spondilite tubercolare, il pus si diffonde spesso lungo le fessure interstiziali lontano dal luogo di comparsa iniziale (ad esempio, sulla superficie mediale della coscia), formando sinusite A. (congestione).

Le manifestazioni cliniche generali di A. sono tipiche dei processi pioinfiammatori di qualsiasi localizzazione: aumento della temperatura corporea da subfebrile a 41 ° (nei casi gravi), malessere generale, debolezza, perdita di appetito e mal di testa. Nel sangue si nota leucocitosi con neutrofilia e uno spostamento della formula dei leucociti a sinistra. La VES è solitamente aumentata. Il grado di questi cambiamenti dipende dalla gravità del processo patologico. Nel quadro clinico di A. di vari organi ci sono segni specifici dovuti alla localizzazione del processo (vedi Polmoni (Polmoni), Fegato, Cervello, Reni, ecc.). Il risultato di A. può essere un'apertura spontanea con sfondamento verso l'esterno (A. tessuto sottocutaneo, mastite, paraproctite, ecc.); sfondamento e svuotamento in cavità chiuse (addominale, pleurico, cavità articolare, ecc.); una svolta nel lume degli organi che comunicano con l'ambiente esterno (intestino, stomaco, vescica, bronchi, ecc.). La cavità A. svuotata in condizioni favorevoli diminuisce di dimensioni, collassa e si cicatrizza. In caso di svuotamento incompleto della cavità A. e del suo scarso drenaggio, il processo può diventare cronico con la formazione di una fistola. Una svolta del pus nelle cavità chiuse porta allo sviluppo di processi purulenti in esse (peritonite, pleurite, pericardite, meningite, artrite, ecc.).

La diagnosi differenziale viene eseguita con un ematoma, una cisti, un tumore disintegrante. In questo caso, la puntura diagnostica è di grande importanza, che consente anche di condurre uno studio batteriologico, isolando l'agente patogeno e determinando la sua sensibilità agli antibiotici.

La diagnosi di A. è un'indicazione per l'intervento chirurgico, il cui scopo (indipendentemente dalla localizzazione del processo) è aprire la cavità purulenta, svuotarla e drenarla. Il trattamento del piccolo tessuto sottocutaneo A. superficiale viene effettuato su base ambulatoriale. L'operazione può essere eseguita in anestesia di infiltrazione locale con una soluzione di novocaina, lidocaina (vedi Anestesia locale) o anestesia endovenosa (vedi Anestesia generale).

In altri casi, così come in caso di sospetta A. di organi interni, i pazienti sono soggetti a ricovero urgente nel reparto chirurgico. In alcuni A., ad esempio, il fegato, il polmone, la puntura viene talvolta eseguita con aspirazione di pus e successiva introduzione di antibiotici e preparati enzimatici nella cavità di A. La resezione di un organo (ad esempio un polmone) insieme ad A. come metodo radicale del corso viene utilizzato solo per A. cronico Con A. formato del cervello con una capsula ben definita, è possibile rimuovere A. insieme alla sua capsula.

Il trattamento dopo l'apertura di A. è lo stesso del trattamento delle ferite purulente. Ai pazienti viene fornita una dieta equilibrata a tutti gli effetti, possono essere mostrate trasfusioni di prodotti sanguigni, sostituti del sangue. Gli antibiotici sono prescritti tenendo conto della sensibilità della microflora a loro. Utilizzare mezzi di terapia specifica: tossoide stafilococcico, gamma globulina specifica (vedi Immunoterapia). Quando A., sviluppato sullo sfondo del diabete mellito, è necessario correggere il metabolismo disturbato.

La prognosi per il trattamento tempestivo di A. localizzata superficialmente, facilmente accessibile per la chirurgia, è favorevole nella maggior parte dei casi. Con un'operazione tardiva, drenaggio inadeguato di A., sono possibili il passaggio del processo a una forma cronica e la generalizzazione dell'infezione (vedi Sepsi).

Bibliografia: Voino-Yasenetsky V.F. Saggi sulla chirurgia purulenta, L., 1956; Struchkov V.I., Gostishchev V.K. e Struchkov YU.The. Guida alla chirurgia purulenta, p. 128, M., 1984.

Figura: e). Microascessi di varia localizzazione (indicati dalle frecce): ascesso cerebrale. Colorazione con ematossilina ed eosina; x100.

Figura: b). Microascessi di varia localizzazione (indicati dalle frecce): ascessi miocardici. Colorazione con ematossilina ed eosina; x100.

Figura: nel). Microascessi di varia localizzazione (indicati dalle frecce): ascessi della milza. Colorazione con ematossilina ed eosina; x100.

II

Abscess (ascesso; lat., da ascesso, ascesso per separare, cogliere; sinonimo: apostema, ascesso, ascesso)

una cavità piena di pus e delimitata dai tessuti e organi circostanti da una membrana piogenica.

Ascesso

Un ascesso (ascesso, ascesso) è un'infiammazione purulenta, accompagnata dallo scioglimento dei tessuti e dalla formazione di una cavità piena di pus. Può formarsi nei muscoli, nel tessuto sottocutaneo, nelle ossa, negli organi interni o nel tessuto circostante.

Cause di ascessi e fattori di rischio

La causa dell'ascesso è la microflora piogenica, che entra nel corpo del paziente attraverso danni alle membrane mucose o alla pelle, o viene introdotta con il flusso sanguigno da un altro punto focale dell'infiammazione (via ematogena).

L'agente eziologico nella maggior parte dei casi è una flora microbica mista, in cui predominano stafilococchi e streptococchi in combinazione con vari tipi di bacilli, ad esempio E. coli. Negli ultimi anni, il ruolo degli anaerobi (clostridi e batterioidi), nonché l'associazione di microrganismi anaerobici e aerobi nello sviluppo degli ascessi, è notevolmente aumentato..

A volte ci sono situazioni in cui il pus ottenuto durante l'apertura dell'ascesso quando seminato su terreni nutritivi tradizionali non dà crescita alla microflora. Ciò indica che in questi casi la malattia è causata da agenti patogeni insoliti, che non possono essere rilevati con metodi diagnostici convenzionali. In una certa misura, questo spiega i casi di ascessi con un decorso atipico..

Gli ascessi possono manifestarsi come una malattia indipendente, ma più spesso sono una complicazione di qualsiasi altra patologia. Ad esempio, la polmonite può essere complicata da un ascesso polmonare e la tonsillite purulenta può essere complicata da un ascesso paratonsillare..

Con lo sviluppo dell'infiammazione purulenta, il sistema di difesa del corpo tende a localizzarlo, il che porta alla formazione di una capsula limitante.

Forme della malattia

A seconda della posizione:

  • ascesso subfrenico;
  • retrofaringeo;
  • paratonsillare;
  • periofaringeo;
  • tessuti soffici;
  • polmone;
  • cervello;
  • ghiandola prostatica;
  • parodontale;
  • intestini;
  • pancreas;
  • scroto;
  • Spazio Douglas;
  • appendicolare;
  • fegato e subepatico; e così via.

Gli ascessi del tessuto sottocutaneo di solito provocano un recupero completo.

In base alle caratteristiche del decorso clinico, si distinguono le seguenti forme di ascesso:

  1. Caldo o piccante. È accompagnato da una pronunciata reazione infiammatoria locale, nonché da una violazione delle condizioni generali.
  2. Freddo. Si differenzia da un normale ascesso in assenza di segni generali e locali del processo infiammatorio (febbre, arrossamento della pelle, dolore). Questa forma della malattia è tipica di alcune fasi dell'actinomicosi e della tubercolosi osteoarticolare..
  3. Rientrato. La formazione di un sito di accumulo di pus non porta allo sviluppo di una reazione infiammatoria acuta. La formazione di un ascesso si verifica a lungo (fino a diversi mesi). Si sviluppa sullo sfondo della tubercolosi osteoarticolare.

Sintomi di un ascesso

Il quadro clinico della malattia è determinato da molti fattori e, prima di tutto, dal luogo di localizzazione del processo purulento, dalla causa dell'ascesso, dalle sue dimensioni, dallo stadio di formazione.

I sintomi di un ascesso localizzato nei tessuti molli superficiali sono:

  • rigonfiamento;
  • arrossamento;
  • forte dolore;
  • un aumento della temperatura locale e, in alcuni casi, generale;
  • disfunzione;
  • fluttuazione.

Gli ascessi addominali si manifestano con i seguenti sintomi:

  • febbre intermittente (intermittente) con un tipo di curva di temperatura frenetica, cioè soggetta a fluttuazioni significative durante il giorno;
  • forti brividi;
  • tachicardia;
  • mal di testa, dolori muscolari e articolari;
  • mancanza di appetito;
  • grave debolezza;
  • nausea e vomito;
  • ritardo nel passaggio di gas e feci;
  • tensione muscolare addominale.

Quando un ascesso è localizzato nella regione subfrenica, i pazienti possono essere disturbati da mancanza di respiro, tosse, dolore nella parte superiore dell'addome, che si intensifica al momento dell'inalazione e si irradia alla scapola e alla spalla.

Con gli ascessi pelvici, si verifica un'irritazione riflessa del retto e della vescica, che è accompagnata dalla comparsa di tenesmo (falso bisogno di defecare), diarrea e minzione frequente.

Gli ascessi retroperitoneali sono accompagnati da dolore nella parte bassa della schiena, la cui intensità aumenta con la flessione delle gambe nelle articolazioni dell'anca.

I sintomi di un ascesso cerebrale sono simili a quelli di qualsiasi altra massa (cisti, tumori, ematomi) e possono variare in un intervallo molto ampio, che va da un lieve mal di testa a gravi sintomi cerebrali.

Un ascesso polmonare è caratterizzato da un aumento significativo della temperatura corporea, accompagnato da forti brividi. I pazienti lamentano dolore nella zona del torace, aggravato dal tentativo di fare un respiro profondo, mancanza di respiro e tosse secca. Dopo aver aperto l'ascesso nel bronco, c'è una forte tosse con abbondante secrezione di espettorato, dopo di che le condizioni del paziente iniziano a migliorare rapidamente.

Gli ascessi nell'orofaringe (retrofaringeo, paratonsillare, periofaringeo) nella maggior parte dei casi si sviluppano come complicanza della tonsillite purulenta. Sono caratterizzati dai seguenti sintomi:

  • forte dolore che si irradia ai denti o all'orecchio;
  • sensazione di un corpo estraneo in gola;
  • spasmo muscolare che impedisce l'apertura della bocca;
  • dolore e gonfiore dei linfonodi regionali;
  • aumento della temperatura corporea;
  • insonnia;
  • debolezza;
  • voce nasale;
  • l'aspetto di un odore putrido sgradevole dalla bocca.

Diagnosi di un ascesso

Gli ascessi dei tessuti molli localizzati superficialmente non causano difficoltà nella diagnosi. Con una posizione più profonda, potrebbe essere necessario eseguire un'ecografia e / o una puntura diagnostica. Il materiale ottenuto durante la puntura viene inviato per l'esame batteriologico, che consente di identificare l'agente eziologico della malattia e determinarne la sensibilità agli antibiotici.

Gli ascessi orofaringei vengono rilevati durante un esame otorinolaringoiatrico.

Gli ascessi possono manifestarsi come una malattia indipendente, ma più spesso sono una complicazione di qualsiasi altra patologia. Ad esempio, la polmonite può essere complicata da un ascesso polmonare e la tonsillite purulenta può essere complicata da un ascesso paratonsillare..

È molto più difficile diagnosticare ascessi cerebrali, cavità addominali, polmoni. In questo caso, viene effettuato un esame strumentale, che può includere:

  • Ultrasuoni degli organi addominali e pelvici;
  • risonanza magnetica per immagini o tomografia computerizzata;
  • radiografia.

In un esame del sangue generale per qualsiasi localizzazione di un ascesso, vengono determinati i segni caratteristici di un processo infiammatorio acuto (un aumento del numero di leucociti, uno spostamento nella formula dei leucociti a sinistra, un aumento della VES).

Trattamento ascesso

Nella fase iniziale dello sviluppo di un ascesso di tessuti molli superficiali, viene prescritta una terapia antinfiammatoria. Dopo che l'ascesso è maturato, viene aperto, di solito su base ambulatoriale. Il ricovero è indicato solo in caso di una grave condizione generale del paziente, natura anaerobica del processo infettivo.

Si consiglia di utilizzare l'unguento Ilon come coadiuvante nel trattamento, nonché per la prevenzione delle complicanze degli ascessi di grasso sottocutaneo. L'unguento deve essere applicato sulla zona interessata sotto una benda di garza sterile o un cerotto. A seconda del grado di suppurazione, la medicazione deve essere cambiata una o due volte al giorno. La durata del trattamento dipende dalla gravità del processo infiammatorio, ma, in media, per ottenere un risultato soddisfacente, è necessario applicare l'unguento per almeno cinque giorni. L'unguento Ilon K è venduto nelle farmacie.

Il trattamento di un ascesso polmonare inizia con antibiotici ad ampio spettro. Dopo aver ricevuto un antibioticogramma, la terapia antibiotica viene corretta tenendo conto della sensibilità dell'agente patogeno. Se ci sono indicazioni, viene eseguito il lavaggio broncoalveolare per migliorare il deflusso dei contenuti purulenti. L'inefficacia del trattamento conservativo di un ascesso è un'indicazione per l'intervento chirurgico - resezione (rimozione) dell'area interessata del polmone.

Il trattamento degli ascessi cerebrali nella maggior parte dei casi è chirurgico, poiché possono portare alla dislocazione del cervello e causare la morte. Una controindicazione alla rimozione degli ascessi è la loro localizzazione in strutture profonde e vitali (nuclei sottocorticali, tronco encefalico, tubercolo ottico). In questo caso, ricorrono alla puntura della cavità ascessuale, alla rimozione del contenuto purulento mediante aspirazione, seguita dal risciacquo della cavità con una soluzione antisettica. Se è necessario un lavaggio multiplo, il catetere attraverso il quale viene somministrato viene lasciato nella cavità per un po '.

Con ascessi cerebrali, la prognosi è sempre molto grave, la morte si osserva nel 10% dei casi e il 50% dei pazienti sviluppa una disabilità persistente.

Gli ascessi addominali vengono rimossi chirurgicamente.

Potenziali conseguenze e complicazioni

Gli ascessi di trattamento inopportuno possono portare a gravi complicazioni:

  • neurite;
  • osteomielite;
  • flemmone;
  • fusione purulenta della parete dei vasi sanguigni con il verificarsi di sanguinamento potenzialmente letale;
  • meningite purulenta;
  • empiema della pleura;
  • peritonite;
  • sepsi.

Previsione

La prognosi dipende dalla posizione dell'ascesso, dalla tempestività e dall'adeguatezza del trattamento. Gli ascessi del tessuto sottocutaneo di solito provocano un recupero completo. Con ascessi cerebrali, la prognosi è sempre molto grave, la morte si osserva nel 10% dei casi e il 50% dei pazienti sviluppa una disabilità persistente.

Prevenzione

La prevenzione dello sviluppo di ascessi ha lo scopo di prevenire l'ingresso di microflora piogenica patogena nel corpo del paziente e comprende le seguenti misure:

  • attenta osservanza dell'asepsi e degli antisettici durante gli interventi medici accompagnati da danni alla pelle;
  • conduzione tempestiva del trattamento chirurgico primario delle ferite;
  • igiene attiva dei focolai di infezione cronica;
  • aumentare le difese del corpo.

Come sbarazzarsi di un ascesso e non avere avvelenamento del sangue

Guarda che aspetto ha un ascesso

Foto: Tavarius / Shutterstock

Un ascesso può verificarsi in qualsiasi parte del corpo umano, compresi gli organi interni. Ma il più delle volte l'ascesso colpisce la pelle sotto le ascelle, l'inguine, l'area intorno all'ano, la base della colonna vertebrale e le gengive vicino ai denti..

L'infiammazione intorno al follicolo pilifero può anche portare alla formazione di un ascesso: questo tipo di ascesso è comunemente chiamato ebollizione.

Le cause dell'ascesso

Molto spesso, le cause di un ascesso sono batteri e virus che entrano nel corpo attraverso la pelle o le mucose colpite. Per nessun motivo, un ascesso può formarsi negli organi interni, poiché vari microrganismi esistono in una forma passiva nel corpo umano. Quando, a causa di circostanze negative, l'immunità è indebolita, i batteri con virus si attivano, la loro riproduzione e il conseguente danno alla salute.

In un certo senso, un ascesso svolge il ruolo di protettore del corpo contro le infezioni. Accumula l'infezione in una specifica area della pelle, proteggendo i tessuti non ancora interessati dall'infiammazione, a seguito della quale si forma un ascesso.


Foto di un ascesso della pelle del viso

Le ragioni

Ci sono diversi prerequisiti per la degenerazione di una lieve infiammazione in una malattia più grave: un ascesso. Molto spesso, tale conseguenza si verifica sullo sfondo dell'esposizione a diversi tipi di microrganismi patogeni, tuttavia il processo può anche essere asettico, cioè non infettivo..

In generale, sono noti diversi motivi per lo sviluppo di un ascesso:

  • Infezione diretta attraverso la pelle ferita, ad esempio con una frattura aperta, lesioni, ustioni, congelamento.
  • La diffusione di batteri insieme al flusso sanguigno da altri focolai purulenti, ad esempio da un dente coperto di pulpite o tonsille con scarlattina.
  • Ingestione di sostanze chimiche: ad esempio, alcuni farmaci sotto forma di iniezioni possono anche provocare un ascesso renale. In questo caso, si sviluppa un tipo speciale di processo: asettico. Così si chiama, perché l'infezione non prende parte alla sua formazione - invece di essa, il principio attivo del farmaco o un altro prodotto chimico agisce come irritante.

I principali agenti causali degli ascessi di natura infettiva sono i microrganismi piogeni: streptococchi e stafilococchi. Penetrando nel corpo, provocano la comparsa di una violenta reazione infiammatoria. Spesso anche E. coli si unisce a loro. Molte specie di questi microbi vivono costantemente e abbastanza pacificamente sulla superficie della pelle, ma sono completamente inaccettabili in un ambiente sterile interno. Un ascesso può anche essere provocato da altri microrganismi, ad esempio i batteri della tubercolosi o dei clostridi, ma questo fenomeno è estremamente raro.

Tra le altre cose, c'è un altro tipo di ascesso: il raffreddore. La sua differenza sta nel quadro clinico pronunciato dell'infiammazione e la causa del suo aspetto è la forma osteoarticolare della tubercolosi.

Prevenzione

La prevenzione dello sviluppo di ascessi ha lo scopo di prevenire l'ingresso di microflora piogenica patogena nel corpo del paziente e comprende le seguenti misure:

  • attenta osservanza dell'asepsi e degli antisettici durante gli interventi medici accompagnati da danni alla pelle;
  • conduzione tempestiva del trattamento chirurgico primario delle ferite;
  • igiene attiva dei focolai di infezione cronica;
  • aumentare le difese del corpo.

Video di YouTube relativo all'articolo:

Ascesso: cos'è e perché appare?

Un ascesso è una fusione purulenta locale di tessuti. La malattia è caratterizzata dalla formazione di un ascesso con contenuto giallo, verde o grigiastro.

Perché compaiono gli ascessi? Le cause della loro formazione sono batteri e virus che penetrano nei tessuti della pelle o degli organi interni. Spesso, l'esame batteriologico dell'essudato rivela Staphylococcus aureus o Streptococcus.

Un ascesso purulento può influenzare:

  • muscolo,
  • tessuto sottocutaneo,
  • ossatura,
  • tessuti interni,
  • pelle.

In una nota. In un certo senso, la formazione di ascessi è uno dei meccanismi di difesa del corpo. Accumulando tutte le tossine e concentrando tutte le infezioni all'interno dell'ascesso, l'ascesso impedisce effettivamente loro di diffondersi in tutto il corpo con sangue e linfa.

Motivi di sviluppo

Cosa significa la comparsa di un ascesso e perché può accadere? Il motivo principale, come già notato, risiede nell'aggiunta di un'infezione secondaria. Ma ci sono una serie di fattori che possono contribuire a questo processo. Le cause principali di un ascesso risiedono in:

  • danni meccanici alla pelle: ferite, graffi, crepe, ecc..,
  • surriscaldamento, ustioni cutanee,
  • ipotermia, congelamento,
  • trascuratezza delle norme igieniche,
  • dieta scorretta che porta a gravi carenze vitaminiche e anemia,
  • esposizione prolungata ad acque inquinate.

Sotto l'influenza di questi fattori, si sviluppa un ascesso prevalentemente sottocutaneo. Ma i fattori provocatori possono essere completamente diversi, più seri e pericolosi. Un ascesso purulento può benissimo diventare una complicazione di molte malattie, accompagnato dall'aggiunta di un'infezione secondaria:

  • foruncolosi,
  • diabete mellito,
  • polmonite,
  • tonsillite o tonsillite, ecc..

Un ascesso su una gamba, un braccio, una testa o un viso può derivare da un intervento chirurgico. Ciò è particolarmente vero per le situazioni in cui durante l'operazione sono state violate le regole di asepsi e antisettici o gli strumenti utilizzati sono stati scarsamente sterilizzati..

Un ascesso addominale è estremamente pericoloso e:

  • cervello,
  • polmone,
  • sangue,
  • e qualsiasi altro organo interno.

Un ascesso sul viso può essere il risultato di procedure cosmetiche eseguite troppo spesso o in modo errato. In particolare, può formarsi un ascesso dopo aver spremuto l'acne, un peeling chimico o hardware, utilizzando agenti di lavaggio non idonei, ecc. Sotto l'influenza di tali fattori, la pelle viene ferita, assottigliata e l'infezione penetra facilmente attraverso di essa.

Un ascesso sanguigno è una conseguenza della penetrazione della microflora patogena nel flusso sanguigno. Questa è una delle forme più pericolose della malattia, che è più spesso la causa della morte..

L'ascesso del piede è un evento comune nelle persone con diabete. In particolare, stiamo parlando di una tale complicazione della malattia come la sindrome del piede diabetico. A causa dell'alto livello di disturbi del trofismo del glucosio e dei tessuti, si formano ascessi. Inoltre, in questo caso, sono per lo più piccoli, ma multipli.

Un ascesso dei tessuti molli dei glutei o delle cosce può formarsi dopo un'iniezione non riuscita o errata. La sterilizzazione insufficiente del sito di iniezione è anche la ragione della comparsa di un tale ascesso..

Come puoi vedere, le ragioni per la formazione di un ascesso della pelle o degli organi interni possono essere completamente diverse. Ma è estremamente necessario conoscerli, poiché tale consapevolezza è un modo per evitare lo sviluppo di una malattia spiacevole e pericolosa..

Forme di malattia da ascesso

In base alle caratteristiche del corso, si distinguono le forme gocciolanti, calde e fredde della malattia.

Il corso fluente di un ascesso - la formazione di un ascesso non porta allo sviluppo dell'infiammazione nella fase acuta. L'accumulo purulento si verifica per un lungo periodo (di solito diversi mesi). Si sviluppa con la tubercolosi.

Sviluppo caldo (acuto) di un ascesso - procede con un deterioramento delle condizioni generali e un processo infiammatorio.

Un ascesso freddo è accompagnato dall'assenza di segni come febbre, dolore, arrossamento. Si sviluppa con actinomicosi e tubercolosi.

Per localizzazione, si distinguono le seguenti forme:

  • retrofaringeo;
  • pancreas;
  • fegato (questo ascesso si verifica dopo l'intervento chirurgico);
  • dente (parodontale);
  • natiche;
  • scroto;
  • Ascesso di Brody;
  • polmone;
  • Bollire;
  • cavità addominale;
  • gengive;
  • tessuti soffici;
  • periofaringeo;
  • subfrenico;
  • cervello;
  • intestini;

E altro ancora.

Forme e tipi di malattia e suo decorso

Lungo il corso, l'ascesso è diviso in 2 gruppi:

  1. Una forma acuta che dura non più di due mesi;
  2. Una forma cronica che dura due mesi o più.

Un'altra categoria per la classificazione è l'agente eziologico che ha causato il processo infiammatorio:

  • Streptoderma;
  • Staphyloderma;
  • Streptostaphyloderma.

La malattia può causare gravi danni alla salute, pertanto, se si verificano i sintomi, è necessario consultare un medico e iniziare il trattamento..

In base alla posizione del processo infiammatorio, si distinguono le seguenti aree:

  • Fegato;
  • Spazio Douglas;
  • Pancreas;
  • Zona parodontale;
  • Cervello;
  • Tessuti soffici;
  • Zona paratonsillare;
  • Zona subfrenica;
  • Zona appendicolare;
  • Nella zona dello scroto;
  • Intestini;
  • Prostata;
  • Polmoni;
  • Zona periofaringea;
  • Oltre la gola.

Disegnato # 3. Ascesso parodontale superficiale

Figura №4. Ascesso mascellare, superficiale

Figura №5. Ascesso polmonare

Con il flusso, i medici prestano attenzione a 3 tipi principali di ascesso:

  1. Piccante). È caratterizzato dalla presenza di una reazione infiammatoria locale, nonché da un deterioramento delle condizioni generali del paziente;
  2. Freddo. La sua caratteristica fondamentale è che procede in segreto, senza sintomi vividi che indichino una malattia (dolore, infiammazione della pelle, febbre). Questo tipo di ascesso si osserva nelle persone con uno stadio iniziale di tubercolosi osteoarticolare o actinomicosi..
  3. Tipo di flusso. L'accumulo di pus con questo tipo di ascesso passa senza un processo infiammatorio. In questo caso, una formazione purulenta può accumularsi per diverse settimane o mesi. Spesso osservato nella tubercolosi osteoarticolare.

Dalla profondità della lesione, è consuetudine distinguere:

  1. Forme profonde. In cui i sintomi di intossicazione generale sono in primo piano (febbre fino a 40 ° C, malessere e forti mal di testa).
  2. Superficiale. Con queste forme, la fluttuazione dei tessuti è chiaramente evidente durante la loro fusione purulenta, l'edema e il rossore della pelle sul sito della lesione..

Ricorda che se sospetti un ascesso, dovresti immediatamente cercare assistenza medica.!

Classificazione e sintomi di ascesso

una delle varietà di ascesso è l'ascesso di un facile

L'area e la profondità del processo infiammatorio dipenderanno dalle dimensioni e dalla posizione dell'ascesso. La natura del nido, che si forma nella capsula protettiva (sapore, colore, consistenza), dipende dal tipo di eccitatore infettivo. Le manifestazioni cliniche generali dell'ascesso sono tipiche di tutti i processi neoinfiammatori. Si nota un aumento della temperatura corporea da subfebrile ad alta (41 gradi nei casi gravi), debolezza, mal di testa, perdita di appetito. In uno studio di laboratorio sul sangue, si notano leucocitosi e un aumento della SOE. Questi cambiamenti dipenderanno dalla gravità del decorso del processo infiammatorio..

A seconda della localizzazione, gli ascessi hanno i loro sintomi caratteristici:

Xolodny abstsess xarakterizuetsya skopleniem gnoya nA obychno nebolshom ogranichennom prostranstve bez mestnyx e obschix proyavleny vospaleniya (povyshennaya temperatura tela, bol, pokrasnenie kozhi), kotorye svoystuny obychst. L'ascesso freddo è osservato più spesso con actinomicosi o tubercolosi osteo-articolare.

Ascesso sotto il diaframma - conglomerato sotto il diaframma. Voznikaet, COME oslozhnenie ostryx vospalitelnyx protsessov in organax bryushnoy polosti (xoletsistit, appenditsit, pankreatit, probodnaya yazva dvenadtsatiperstnoy intestine or zheludka) o travm organov bryushnoy day polosti, kotomorye.

Ascesso parotonsillare - infiammazione, localizzata nella frizione okolomandalikovy. Si manifesta come complicanza dell'angina o della faringite streptococcica. Il fattore predominante è il fumo di tabacco. Molto spesso questo ascesso è visto nei bambini, negli adolescenti e nei giovani.

Definizione di ascesso

Ascesso (in latino abscessus - una pausa) - una cavità con un contenuto marcio, limitata da una membrana piogenica (un guscio fatto di fibre fibrose e grano).

Abstsess obrazuetsya vsledstvie vospalitelnogo protsessa and rasplavleniya tkaney, kotoroe mozhet upswing prakticheski vo vsex tkanyax vsex organov: myshtsax, podkozhnoy kletchatke, kostyax, a takzhe in drugzhet orgduix o tkanyax organov.

L'ascesso deve essere distinto dal flemmone e dall'empiema.

Phlegmona - questo, quando il brutto non è limitato dalla capsula e si diffonde nelle immediate vicinanze dal calore dell'infiammazione dei tessuti - empiema - quando il cibo cattivo viene raccolto in.

Tipi di malattia da ascesso

L'ascesso si divide in due categorie: per sede e per durata del decorso (acuto e cronico).

Classificazione per posizione dell'area:

  • Ascesso paratonsillare - localizzato alle tonsille palatine. Formato dopo complicazioni di mal di gola flemmone.
  • Ascesso post-iniezione - formato a causa di complicazioni dopo la somministrazione di farmaci mediante iniezione endovenosa o intramuscolare.
  • Ascesso della ghiandola di Bartolini - una malattia in cui si verifica un processo infiammatorio in una grande ghiandola durante la corsa alla vagina.
  • Ascesso della gola (retrofaringeo) - suppurazione dei linfonodi e del tessuto nello spazio faringeo.
  • L'ascesso retrofaringeo è un processo infiammatorio purulento nello spazio faringeo - tra la parete posteriore della faringe e la colonna vertebrale, e limitato lateralmente dalle arterie. È una conseguenza di una precedente infezione o infiammazione. Può verificarsi con traumi, mal di gola, procedure endoscopiche. Questo ascesso è comune nei bambini.
  • Ascesso parodontale - infiammazione purulenta che si forma sulle gengive a causa dell'infezione.
  • Ascesso subfrenico - accumulo purulento situato sotto il diaframma.
  • Ascesso tubo-ovarico - una malattia di natura purulenta e infettiva degli organi pelvici.
  • Ascesso dopo l'iniezione - vedere Ascesso post-iniezione.


Infiammazione purulenta della pelle

Diagnostica, prognosi e possibili conseguenze di un ascesso

Il trattamento dell'ascesso è impossibile senza una diagnosi adeguata. Un ascesso esterno è molto facile da identificare, ma sorgono problemi seri con un ascesso interno..

Quindi, per identificare un ascesso cutaneo, è necessario eseguire:

  • esame del sangue clinico generale, che mostrerà la presenza di un processo infiammatorio nel corpo,
  • Esame a raggi X (aiuta a identificare non solo la pelle, ma anche l'ascesso e l'ascesso osseo, localizzati nei tessuti degli organi interni),
  • imaging a risonanza magnetica o computerizzata,
  • procedura ecografica.

Per determinare come trattare un ascesso, viene eseguita una puntura di pus, seguita dal suo esame batteriologico. Questa procedura aiuta a determinare con precisione l'agente eziologico della patologia e selezionare gli antibiotici necessari per prevenire lo sviluppo di complicanze settiche..

Complicazioni

Le complicazioni di un ascesso possono essere le più gravi. E se la malattia è passata a una fase avanzata di sviluppo, soprattutto quando il fulcro dell'infiammazione è localizzato nei tessuti degli organi interni, le conseguenze possono anche essere critiche.

Un ascesso non trattato può portare a:

  • mastite (con ascesso mammario),
  • pleurite (se l'ascesso è nei polmoni o in prossimità di essi),
  • peritonite (con ascesso addominale),
  • disfunzione dell'organo in cui è localizzata l'infiammazione purulenta,
  • cisti,
  • compressione della trachea,
  • gonfiore della laringe o della gola,
  • necrosi dei tessuti,
  • shock tossico infettivo (ITSh).

Ma la complicanza più pericolosa della malattia, insieme all'ITSH, è la sepsi. L'infezione del sangue è accompagnata da un forte deterioramento della salute, nausea, vomito, alta temperatura corporea, che è estremamente difficile da abbattere. In caso di sollievo prematuro della condizione, si verifica un esito letale.

Importante! La temperatura dopo l'apertura dell'ascesso può indicare lo sviluppo di complicanze o la reinfezione della ferita risultante. L'autotrattamento in tali circostanze è inaccettabile! Inoltre, può essere pericoloso per la salute e la vita del paziente..

Per evitare tali conseguenze, tutti dovrebbero sapere che aspetto ha un ascesso. Se noti i primi sintomi sospetti di patologia, contatta immediatamente il chirurgo!

Diagnostica

Diagnosticare la malattia non sarà difficile, poiché le sue manifestazioni sono chiaramente visibili esternamente.

Con segni esterni, puoi determinare lo stadio di sviluppo dell'infezione:

  • Formazione (fase iniziale). La pelle si gonfia, diventa rossa e fa male quando viene toccata.
  • Seconda fase. La massa inizia a ingiallire e diventa morbida al tatto. Appare il dolore e la temperatura corporea aumenta.

Di norma, con un ascesso, i linfonodi del paziente si ingrandiscono, ma sono indolori quando vengono toccati.

Per confermare la diagnosi, si consiglia di superare i seguenti test:

  • Emocromo completo - con un ascesso, mostra segni aspecifici di infiammazione (stafilococchi e streptococchi in grandi quantità).
  • Cultura batterica: il pus viene preso per l'analisi.

Importante! Al primo segno di ascesso (arrossamento, dolore, febbre), non auto-medicare. È vietato aprire da soli l'area infiammata. Questo è irto di conseguenze impreviste (avvelenamento del sangue, fusione purulenta delle pareti di un vaso sanguigno), fino alla morte inclusa..

Trattamento

Nella fase iniziale della malattia, prima della fusione purulenta dei tessuti, si raccomandano metodi conservativi: UHF. L'ascesso maturo viene trattato esclusivamente chirurgicamente!

Figura 6. Pungere un ascesso

L'intervento chirurgico consiste nell'aprire la cavità con il pus da parte del chirurgo, drenarla (il fuoco, grosso modo, viene pulito) e applicare una benda con un antisettico. Dopo l'intervento del chirurgo, viene utilizzato il trattamento classico delle malattie causate dalla microflora piogenica. Consiste nell'uso di farmaci che distruggono completamente l'agente patogeno. Questi includono:

  1. Antibiotici Nominato da uno specialista su base individuale dopo aver determinato il livello di sensibilità dei microrganismi. Di solito sotto forma di un unguento o crema.
  2. Immunomodulatori. Sono usati in parallelo con le vitamine. Scaricato come iniezioni.
  3. Fisioterapia. UHF, terapia ad ultrasuoni, elettroforesi con antibiotici, UV e altri metodi vengono utilizzati per distruggere microbi e batteri..
  4. Trattamento locale. L'area della pelle con infiammazione è ricoperta da speciali coloranti all'anilina, ad esempio la soluzione di Castellani. Inoltre, vengono applicati unguenti disinfettanti: Triderm, Zinc, Lincomycin.

Non auto-medicare un ascesso, il pus accumulato all'interno dei tessuti non andrà da nessuna parte, deve scoppiare o andare in profondità nei tessuti, interessando le strutture circostanti. Il pus può essere rimosso solo!

Figura № 7. Ascesso superficiale aperto

Complicazioni

Se trascuri il disturbo, allora c'è un'alta probabilità di una svolta della suppurazione verso l'esterno o nella cavità dell'organo in cui si trova l'ascesso. Inoltre, con un ascesso della pelle, possono insorgere complicazioni sotto forma di sviluppo di flemmone - fusione purulenta della grande nave più vicina, che coinvolge il tronco nervoso nel processo. Questo fattore innesca la formazione di neurite e l'infiammazione purulenta si diffonde al tessuto osseo, provocando l'osteomielite. Questo può portare a un ascesso sulla gamba, sugli arti superiori, ecc..

Importante! Alcuni tipi di ascessi possono portare a conseguenze negative sotto forma di disfunzione degli organi vitali, che possono portare alla morte del paziente.

Spesso si osservano deplezione generale del corpo e anoressia dovuta alla rottura dei tessuti.

Sintomi

Il quadro clinico della malattia dipende dal tipo di agente patogeno. I sintomi comuni includono:

  • Rossore della pelle;
  • Aumento della temperatura;
  • Formazione di una cavità con contenuto purulento.

Altre patologie purulente possono provocare un ascesso dei tessuti molli:

  • Follicolite;
  • Foruncolosi;
  • Carbonchio;
  • Idradenite;
  • Pseudofuruncolosi.

L'infezione si diffonde ai tessuti molli o agli organi attraverso il flusso sanguigno. Un ascesso dei tessuti molli può causare una puntura, contaminata da batteri, da un ago.

Trattamento ascesso

Il primo passo è la diagnostica, dopo la diagnosi, lo specialista prescrive un'operazione di ascesso. Il chirurgo aprirà l'ascesso, lo svuoterà e lo drenerà. Viene eseguita un'autopsia ambulatoriale se si trova sulla superficie della pelle. Dopo questa procedura, viene prescritta la dieta necessaria a base di vitamine, antibiotici e trattamento di disintossicazione..

Con un ascesso interno e danni agli organi interni, viene prescritto il ricovero di emergenza. Con l'aiuto di una puntura, un ascesso del fegato e del polmone viene trattato con l'estrazione di contenuti purulenti e l'introduzione di antibiotici e farmaci con enzimi digestivi nella cavità. Un antibiotico per un ascesso del tessuto polmonare include farmaci del gruppo dei macrolidi. Quando si riceve un antibioticogramma, viene eseguita una correzione del processo di trattamento, basata sulla sensibilità dell'agente patogeno. In assenza di un risultato di terapia conservativa con un ascesso polmonare, si verifica la rimozione chirurgica dell'area interessata.

Gli antibiotici per l'ascesso sono prescritti dopo la diagnosi e la determinazione dell'agente patogeno infettivo.

Un ascesso cerebrale viene trattato con un intervento chirurgico, altrimenti la malattia porterà a uno spostamento della struttura cerebrale e alla morte del paziente. Trovare un ascesso nel tronco cerebrale o sottocorteccia è una controindicazione alla resezione (rimozione). In questa situazione, viene eseguita una puntura, seguita dalla rimozione del pus e dal risciacquo con un antisettico. Con il lavaggio ripetuto, il catetere rimane per un certo periodo.

Il trattamento di un ascesso addominale è suscettibile solo di intervento chirurgico.

Diagnosi di un ascesso

Essendo negli organi interni, il processo purulento causa segni che spesso imitano altre malattie. Tuttavia, un medico qualificato sarà in grado di identificare facilmente questa patologia. Dopotutto, non è affatto difficile fare una diagnosi accurata basata sui suoi sintomi vividi..

Tuttavia, a volte in fasi avanzate con infezione secondaria, è abbastanza difficile trovare il fulcro originale del processo patologico. Per questo, vengono prelevati test aggiuntivi dal paziente: uno studio generale su urina e sangue, nonché un'impronta dell'ascesso stesso.

La diagnosi viene effettuata sulla base dei reclami del paziente, dei dati di laboratorio, nonché dei test ecografici e radiografici. Con un ascesso del rene e del fegato, viene spesso eseguita una puntura d'organo. Di norma, tutte queste informazioni consentono di determinare con precisione la malattia e di intraprendere un trattamento tempestivo..

Se l'ascesso copre gli strati superiori della pelle, qualsiasi specialista sarà in grado di rilevarlo facilmente durante l'esame del paziente..

Informazione Generale

Questo concetto significa infiammazione purulenta dei tessuti con un focus ben definito di decadimento. Un ascesso dei tessuti molli è solitamente innescato da streptococco o stafilococco. In questa malattia, il fuoco infiammatorio è chiaramente limitato dagli organi vicini. Un processo patologico si presenta come un leggero rossore, che si addensa nel tempo. Nella fase finale, l'ascesso diventa morbido, pieno di pus all'interno.

Qual è il contenuto di una tale cavità? In realtà, il pus è una combinazione di proteine, leucociti e altre cellule, il cui compito è limitare la microflora patogena. Un ascesso è una malattia che colpisce allo stesso modo uomini e donne..

Descrizione del processo patologico

L'infiammazione purulenta acuta può colpire la pelle in qualsiasi parte del corpo. Di regola, questa è una cavità limitata circondata da una membrana. Inizialmente, un tale guscio protegge in modo affidabile il resto del corpo dalla diffusione dell'infezione. Tuttavia, man mano che le masse purulente si accumulano, aumenta il rischio di avvelenamento del sangue. Un ascesso sottocutaneo è un processo patologico che non dovrebbe essere ignorato. La terapia deve essere eseguita in una struttura medica oa casa in consultazione con un medico.

Un ascesso della pelle (secondo ICD-10 L 02.0) è un processo spiacevole, che indica una significativa diminuzione delle difese del corpo. Nella maggior parte dei casi, è necessario eliminare non solo il fulcro dell'infezione stessa, ma anche eseguire una terapia di rafforzamento generale.

Trattamento di rimedi popolari per l'ascesso

I metodi di trattamento tradizionali sono efficaci solo per le forme più lievi della malattia. Sebbene sia impossibile dire in modo inequivocabile, ad esempio, se il nastro aiuterà con un ascesso. Pertanto, prima di capire come trattare un ascesso a casa da solo, dovresti consultare un medico specialista, di solito un dermatologo o un chirurgo..

Succo di aloe. Il succo di foglie di aloe ha proprietà antibatteriche e favorisce la guarigione delle ferite. La pappa dalle foglie o dalla garza imbevuta di succo di aloe viene applicata sulla zona interessata durante la notte sotto una benda. La procedura viene eseguita fino a quando le masse necrotiche vengono rigettate e i tessuti colpiti non sono guariti..

Cipolla. L'applicazione di un bulbo cotto durante la notte sotto una benda accelera la maturazione e la rottura dell'ascesso.

Miele, alcool al 96% e pomata per ascessi (Vishnevsky) sono mescolati in proporzioni uguali. La miscela risultante viene applicata all'area infiammata durante la notte. La procedura consente di accelerare l'assorbimento dell'ascesso.

Pane di segale. Il pane viene cotto a vapore, applicato sul punto danneggiato, coperto con foglie di cavolo sopra e lasciato per un giorno.

Trattamento carbonchio

In questo caso, è necessario un intervento chirurgico: apertura con un'incisione cruciforme, seguita dalla rimozione del contenuto purulento, lavaggio accurato e trattamento della ferita. Tutto questo viene eseguito in un ospedale.

La terapia generale per il carbonchio comprende terapia antibiotica, antidolorifici, farmaci per eliminare l'intossicazione del corpo, vitamine e immunomodulatori. Si consiglia inoltre l'aderenza alla dieta prescritta da uno specialista e abbondante per un recupero più rapido..

In assenza di un trattamento adeguato del carbonchio, c'è un alto rischio di sviluppare una complicanza più formidabile: l'ascesso cutaneo.

Come appare?

Di solito un ascesso si manifesta sullo sfondo di varie infezioni che entrano nel corpo. Nell'area piena di batteri patogeni (ustione, scheggia, ferita, taglio) inizia l'infiammazione ordinaria. Questa è una reazione del corpo assolutamente normale, finalizzata alla protezione, ed è necessaria per sterminare i microrganismi estranei..

I sintomi dell'infiammazione comune sono:

  • aumento della temperatura corporea;
  • sindrome del dolore nell'area danneggiata;
  • gonfiore del sito.

Tuttavia, il normale processo può diventare grave e patologico: è in questo momento che appare un ascesso..

Trattamento dell'ascesso con rimedi popolari

l'infuso di echinacea non permetterà lo sviluppo dell'ascesso acuto

Al fine di prevenire lo sviluppo di ascessi acuti, puoi utilizzare i seguenti rimedi della medicina tradizionale:

Infuso di fiori viola di echinacea cruda al 70% di alcol in proporzione da uno a cinque, assumere per via orale a trenta gocce tre volte al giorno.

Foglie di eucalipto bollite - due cucchiai 200 ml. acqua da portare all'interno calda in un quarto di bicchiere tre volte al giorno dopo il pasto.

Infuso di foglie di eucalipto nel 70% di alcol in una proporzione da una a cinque a venti gocce tre volte al giorno dopo aver mangiato.

Una miscela di quattro cucchiai di erba di campo 200 ml. acqua da portare all'interno in tre bicchieri tre volte al giorno un'ora dopo il pasto.

Un decotto di fiori di cumino (tre cucchiai per 200 ml di acqua) deve essere preso caldo in mezzo bicchiere due volte al giorno 15 minuti prima del cibo.

Per gli ascessi esterni, è molto efficace utilizzare tali prodotti:

Fissare la foglia di cavolo al punto dell'ascesso, cambiare ogni sei ore.

Pane nero con miele, forma sotto forma di una pagnotta, fissata sul luogo danneggiato durante la notte.

Procedure mediche

Spesso, un ascesso cutaneo non guarirà da solo senza ulteriore intervento medico. All'inizio, l'ascesso può sembrare duro e duro. Tuttavia, una volta che l'ascesso diventa più morbido e fluido, il modo migliore per procedere è un leggero intervento chirurgico per farlo evacuare il pus e alleviare la pressione. Il medico aprirà e spingerà fuori l'ascesso (incisione e drenaggio) utilizzando la seguente tecnica:

  • L'anestesia locale interesserà l'area intorno all'ascesso e può rendere la procedura quasi indolore.
  • Se l'ascesso è grande, può essere somministrato un sedativo.
  • L'area interessata sarà coperta con una soluzione antisettica e attorno ad essa saranno posizionati asciugamani sterili.
  • Il medico aprirà l'ascesso con un bisturi e drenerà quanto più pus e detriti possibile. A volte ci sono più posti da identificare e esaurire.
  • Il medico può inserire un drenaggio nella cavità rimanente per ridurre al minimo il sanguinamento e mantenere la ferita aperta per un giorno o due in modo che il resto del pus possa continuare a drenare.
  • Verrà quindi posizionata una benda e il paziente riceverà istruzioni per l'assistenza domiciliare.
  • La maggior parte delle persone si sente meglio subito dopo la fine dell'ascesso.
  • Il medico può prescrivere antidolorifici a seconda della posizione, delle dimensioni e dell'estensione dell'ascesso.
  • Gli antibiotici di solito non sono necessari; tuttavia, possono essere prescritti se l'ascesso è associato a un'infezione cutanea circostante. A seconda della posizione dell'ascesso e dell'immunità, possono essere prescritti antibiotici come trimetoprim / sulfametossazolo (Bactrim), cefalexina (Keflex) o azitromicina (Zithromax).

È possibile prevenire la comparsa di un ascesso cutaneo?

  • Mantieni una buona igiene personale lavando regolarmente la pelle con acqua e sapone.
  • Fai attenzione a non tagliarti quando ti radi le ascelle o l'inguine. cercare assistenza medica in tempo
  • Se sono presenti condizioni mediche elencate che potrebbero indebolire il sistema immunitario
  • Se la persona sta assumendo steroidi, chemioterapia o altri farmaci immunosoppressori o dialisi

Come capire se hai un ascesso

I sintomi di un ascesso esterno che si sviluppa all'interno della pelle sono generalmente evidenti. Sintomi:

  • sembra un gonfiore denso, "nodulo" che è cresciuto sotto la pelle;
  • toccarlo è doloroso;
  • la pelle sulla zona interessata diventa rossa e si sente calda al tatto;
  • non sempre, ma abbastanza spesso puoi vedere l'accumulo di pus bianco o giallo sotto la pelle tesa.

Grandi ascessi sottocutanei possono anche essere accompagnati da un aumento della temperatura.

Gli ascessi sugli organi interni o nei tessuti tra di loro sono più difficili da riconoscere. I segni di un ascesso in questo caso sono vaghi e possono variare a seconda dell'organo interessato. Ad esempio, un ascesso epatico è spesso accompagnato da ittero, ingiallimento della pelle del corpo e del bianco degli occhi. L'ascesso polmonare provoca tosse e mancanza di respiro.

Se parliamo dei sintomi generali e più comuni di un ascesso interno, allora sono:

  • disagio e dolore nell'area dell'organo su cui si è verificato l'ascesso;
  • aumento della temperatura;
  • diminuzione dell'appetito fino alla completa riluttanza a mangiare;
  • sudorazione attiva;
  • debolezza distinta.

I piccoli ascessi spesso si risolvono da soli. Tuttavia, sono possibili anche scenari molto più negativi..

Le specifiche dell'infiammazione dopo la rimozione di otto

Un ascesso del dente del giudizio appare più spesso a causa della rimozione analfabeta della figura otto. La ragione di ciò sono le qualifiche insufficienti del chirurgo o il suo atteggiamento negligente nei confronti dell'operazione. È importante rimuovere tutte le radici e non infettare i tessuti molli o le ossa. Nella maggior parte dei casi, vengono prescritti farmaci antibatterici per prevenire l'infiammazione. Molto spesso, i pazienti hanno paura delle complicazioni dopo l'estrazione dei denti del giudizio colpiti e distopici e cercano di trovare un dentista esperto per questa operazione..

Diagnosi della malattia

La diagnosi di un ascesso sottocutaneo, di regola, non causa complicazioni. Durante l'esame diagnostico del paziente, un traumatologo, ortopedico o chirurgo dovrebbe prestare attenzione alla presenza nella sua anamnesi di indicazioni della comparsa di sintomi infiammatori dopo una lesione, una ferita o un'iniezione. L'ascesso dei tessuti molli localizzato in modo superficiale viene facilmente rilevato durante l'esame dell'area interessata.

Metodi per lo studio dell'ascesso dei tessuti molli:

  1. Puntura con ago grosso con esame batteriologico e citologico del pus per identificare l'uno o l'altro microrganismo che ha causato questa malattia.
  2. In casi difficili, forare dopo o sotto controllo ecografico.
  3. Emocromo completo: leucocitosi neutrofila, spostamento della conta leucocitaria a sinistra, aumento della VES.

Vengono anche diagnosticate malattie di fondo del paziente, che possono richiedere la consultazione di specialisti correlati: otorinolaringoiatra, gastroenterologo, endocrinologo.

  • Altre masse di tessuti molli, compresi quelli rari: actinomicosi, ascesso tubercolare (freddo).
  • Altre cause di sindrome da intossicazione generale.

Metodi di rilevamento attivo precoce

Tutte le manipolazioni mediche a pazienti con fattori di rischio devono essere strettamente controllate da un medico. Monitoraggio del sito di violazione dell'integrità della pelle in tali pazienti per 10-15 giorni. Il paziente deve essere informato dei primi segni di un ascesso incipiente.

Quadro clinico

Indipendentemente dalla posizione dell'ascesso, di regola, le vittime si lamentano di:

  • emicrania;
  • grave debolezza;
  • aumento della temperatura corporea;
  • dolore crescente nelle aree danneggiate.

L'area dell'ascesso stesso porta disagio a causa del passaggio di un violento processo infiammatorio in esso. Ma il malessere generale è il risultato dell'intossicazione: avvelenamento del corpo del paziente con prodotti di scarto di microrganismi patogeni.

Diagnostica ascesso

L'ecografia è uno dei metodi di diagnostica dell'ascesso degli organi interni

La diagnostica dell'ascesso, oltre all'attenta raccolta dell'anamnesi e uno studio di laboratorio del sangue, presuppone tali studi:

faringoskopiya e diagnosticheskaya puntura - quando zaglotochnom abstsesseRentgenografiya e kompyuternaya tomografiya - quando abstsesse legkogoUZI pecheni e kompyuternaya tomografiya pecheni a podozrenii nA abstsess pecheniKfiastnaya abstsess pecheniKfiastnaya period La radiografia è un metodo diagnostico obbligatorio di indagine quando si sospetta un ascesso di qualsiasi localizzazione.

Studio obbligatorio del contenuto dell'ascesso sulla microflora per la corretta determinazione della sensibilità ai farmaci antibatterici.

Cos'è il carbonchio

Un carbonchio è un'infiammazione di diversi follicoli piliferi, ghiandole sebacee e grasso sottocutaneo circostante.

Luoghi tipici per lo sviluppo del processo patologico sono: la parte posteriore del collo, le scapole, la parte bassa della schiena, la regione superiore dei glutei e la superficie anteriore delle cosce.

La causa immediata e i fattori predisponenti per l'insorgenza di un carbonchio sono gli stessi dell'ebollizione. Anche l'eccessiva sudorazione, l'obesità e il lavoro in condizioni polverose e calde possono contribuire allo sviluppo della malattia..

Spesso un carbonchio è una conseguenza diretta di un'ebollizione mal guarita..

Il processo patologico si sviluppa come segue: all'inizio, c'è un gonfiore doloroso pronunciato con arrossamento, che raggiunge un diametro di 5-10 cm, quindi, dopo 1-2 giorni, l'epidermide si stacca e sono visibili diversi focolai purulenti sotto forma di favi. L'infiammazione è accompagnata da un aumento della temperatura a 39 ° C, brividi, mal di testa, debolezza.

Fasi di sviluppo di un ascesso della pelle

Il tessuto tegumentario umano è un organo a due strati. Lo strato superiore è l'epidermide. È costituito da cellule che forniscono protezione contro danni di vario tipo, microbi. Lo strato inferiore è il derma. Nel suo strato inferiore si trovano i follicoli piliferi, che sono costituiti da capillari sanguigni e tessuto connettivo. Formano le radici dei capelli, passando attraverso l'epidermide e il derma. All'esterno, appaiono come fusti di capelli.

Nel punto di transizione della radice nel fusto, due o tre ghiandole sebacee penetrano nell'area tra il guscio medio ed esterno dei capelli. L'apertura della bocca della ghiandola sudoripare si verifica vicino all'area di uscita dei capelli. Il tessuto ghiandolare partecipa alla formazione di un film protettivo sulla superficie della pelle.

Sulla base di ciò, un ascesso sulla pelle è un'infiammazione purulenta che si forma in una quantità significativa di tessuto. Le ghiandole sudoripare e sebacee, il follicolo sono colpite.

Fasi dello sviluppo dell'ascesso:

  1. Nell'area di violazione dell'integrità della pelle, la flora batterica penetra. Un focolaio di infiammazione si forma vicino ad esso, compaiono gonfiore e arrossamento. Per questo motivo c'è un'elevazione;
  2. Il flusso della linfa e del fluido tissutale aumenta, man mano che si verificano tentativi di eliminare l'infezione;
  3. L'immunità è attivata. Si esprime nell'eliminazione simultanea dei batteri e nella limitazione dell'area del processo infiammatorio dai tessuti sani. Per questo motivo, appare il pus, in cui si mescolano proteine, leucociti e altre cellule immunitarie, microrganismi morti;
  4. Il pus diventa di più, la pressione interstiziale aumenta. Il raggiungimento del picco si esprime nello sfondamento dell'ascesso. In questa fase, possono comparire complicazioni, poiché l'infezione e le proteine ​​estranee entrano nel sangue;
  5. Dopo questo processo, si forma un cratere lentamente drenante. Se il pus penetra negli strati inferiori, rimane una cicatrice.

Terapia farmacologica

Se il paziente chiede aiuto in modo tempestivo, è possibile far fronte all'infiammazione con l'aiuto di compresse e unguenti antinfiammatori. Gli antibiotici possono essere somministrati anche per iniezione. Tali farmaci come "Lincomycin", "Ampicillin", "Lyotsin", eccetera sono largamente usati..

Con bolle e carbonchi, il trattamento esterno della superficie interessata deve essere eseguito correttamente. Un ascesso cutaneo (ICD-10 classifica la patologia come sezione L02, come già accennato) non può essere curato senza l'uso di antibiotici. Pertanto, oltre agli antisettici, vengono utilizzati anche speciali farmaci antimicrobici. I buoni risultati sono mostrati per mezzo di "Levomekol". Il cloramfenicolo agisce come ingrediente attivo. Questa sostanza sopprime l'attività della microflora batterica, accelera il processo di rigenerazione del tessuto danneggiato. L'unguento viene applicato sulla superficie della ferita pretrattata con un antisettico due volte al giorno.

La terapia delle malattie della pelle purulente (ascesso, carbonchio, foruncolo) può esser effettuata usando "Unguento di Vishnevsky", "Unguento di Ichthyol". Ma qualsiasi farmaco dovrebbe essere usato rigorosamente in consultazione con il medico. Quando il processo infiammatorio può essere interrotto, possono essere prescritte ulteriori procedure di fisioterapia. UHF aiuta ad accelerare il processo di rigenerazione dei tessuti danneggiati.

Caratteristiche della terapia

Come trattare un ascesso? Questo può essere detto solo da un chirurgo dopo un esame e dopo aver ricevuto i risultati della ricerca. La terapia per questa malattia può essere conservativa e chirurgica. Inoltre, la prima opzione è consigliabile da applicare solo nelle fasi iniziali dello sviluppo della malattia.

Il trattamento conservativo di un ascesso purulento prevede l'uso di farmaci antimicrobici. Possono essere assegnati sia sotto forma di mezzi locali che sistemici. I primi sono prescritti per le forme cutanee di patologia e le compresse sono prescritte per un ascesso di organi interni.

Vedi anche: "Elenco di unguenti efficaci per ferite purulente, criminali, foruncoli".

Quindi, per questa malattia, vengono utilizzati farmaci della serie di penicilline o cefalosporine. Il farmaco metronidazolo e i suoi analoghi hanno una buona efficacia..

Importante! Se non usi antibiotici per l'ascesso dei tessuti molli, il processo infiammatorio purulento progredirà. E il rifiuto dalla terapia antibiotica con suppurazione nel cervello o in altri organi interni è irto della morte del paziente!

Con un ascesso cutaneo maturo, viene eseguito un intervento chirurgico. Può essere profondo o superficiale: la tecnica viene selezionata tenendo conto del grado di maturità dell'ascesso. Si ricorre all'intervento quando la farmacoterapia è inefficace, così come nel caso in cui un ascesso "maturo" non sfonda da solo.