loader

Tutto quello che devi sapere su un ascesso dell'orecchio esterno

Secondo molte persone, un banale brufolo nell'orecchio non rappresenta alcun pericolo per l'udito, e ancor di più per la vita. Dovrebbe essere chiaro che un ascesso dell'orecchio esterno formato senza trattamento sullo sfondo di un sistema immunitario indebolito può persino portare alla morte..

Questo accade raramente, per questo diversi fattori devono coincidere, ma all'inizio della malattia nessuno sa come si verificherà la sua progressione, quindi è consigliabile sapere cos'è un ascesso dell'orecchio esterno, quali tipi ci sono e cosa farne.

Ascesso dell'orecchio esterno

Di per sé, un ascesso dell'orecchio esterno è una lesione necrotica del condotto uditivo o del padiglione auricolare. La malattia avanzata coinvolge non solo i tessuti molli, ma anche l'osso temporale, penetrando nei nervi cranici e nelle meningi.

Nella maggior parte dei casi, una grave progressione della malattia si verifica nelle persone con immunodeficienza o diabete mellito.

Ma in una persona con un sistema immunitario gravemente indebolito senza trattamento, un ascesso dell'orecchio esterno può portare a gravi conseguenze..

Le ragioni della comparsa di un ascesso possono essere sia l'ingresso di batteri dall'esterno, sia la penetrazione del pus con perforazione della membrana timpanica durante la malattia con otite media.

In generale, l'ascesso dell'orecchio si riferisce all'otite esterna, ma l'infiammazione è diversa. L'otite media diffusa può verificarsi a causa di un ascesso non trattato.

Otite esterna limitata semplice - questo è l'ascesso stesso formato da ebollizione, carbonchio o ateroma infiammato.

Un ascesso può comparire nel condotto uditivo, sul lobo o dietro l'orecchio. Questo dà varietà della malattia che hanno differenze pronunciate..

Varietà

L'otite esterna limitata, anche con sintomi lievi, richiede l'osservazione e il successivo trattamento. Un blocco della ghiandola sebacea, lasciato incustodito e trasformato in suppurazione, può portare a un ascesso.

Per quanto riguarda la localizzazione, si distinguono più spesso tre tipi di ascessi:

  • Dietro l'orecchio
  • Sul lobo dell'orecchio
  • Sottoperiosteo.

L'ultima versione dell'ascesso è particolarmente pericolosa, è un ascesso sottoperiostale che può causare la penetrazione del processo infiammatorio alla massima profondità. Gli ascessi dietro l'orecchio sono i più comuni: gli ateromi che si manifestano in quest'area sono spesso infiammati.

Gli ateromi del lobo dell'orecchio tendono anche a suppurare, ma più spesso l'infiammazione si verifica a causa di un trauma. Questi possono essere graffi con unghie o orecchini e spesso gli ascessi sul lobo compaiono dopo aver forato le orecchie..

Foto di varietà di ascessi auricolari negli esseri umani

Sintomi

Il dolore all'orecchio da moderato a molto grave è uno dei principali sintomi della malattia. Con l'otite esterna limitata, il dolore si concentra sul sito di infiammazione del follicolo pilifero.

Un processo necrotico diffuso può causare forti dolori in tutto l'orecchio. In alcuni casi, può verificarsi un'otite esterna diffusa a causa di un'ebollizione non trattata nel condotto uditivo..

Insieme al dolore, i compagni frequenti di un ascesso sono:

  1. Congestione nell'orecchio.
  2. Perdita di acuità uditiva.
  3. Aumento della temperatura corporea.
  4. Scarica dall'orecchio.
  5. Rossore e restringimento del condotto uditivo.
  6. Evidente gonfiore o comparsa di un ascesso.

I bambini piccoli non sono in grado di parlare della perdita dell'udito o della congestione, possono avere febbre, secrezione dall'orecchio e altre manifestazioni visive.

Trattamento

Il trattamento di un ascesso è piuttosto sfaccettato: è impossibile farlo con un solo tipo. Di solito vengono eseguiti farmaci e terapia fisica e spesso è richiesto anche un intervento chirurgico..

Inoltre, ci sono vari metodi popolari, ma non dovresti fare affidamento su di loro completamente, sebbene, su consiglio di un medico, possano essere usati in combinazione con il trattamento tradizionale..

Farmaco

Nella maggior parte dei casi, per trattare un ascesso vengono prescritti antibiotici o farmaci antivirali. Poiché i batteri hanno maggiori probabilità di causare malattie, gli antibiotici sotto forma di unguenti, gocce, compresse e iniezioni sono quasi sempre presenti.

Anche nel trattamento di un ascesso causato da funghi, la terapia antibiotica è necessaria a causa dell'elevata probabilità di infezione.

Inoltre, durante l'igiene quotidiana, vengono utilizzate soluzioni antisettiche per trattare l'orecchio esterno. In alcuni casi, il processo di elaborazione viene eseguito due o più volte al giorno, ma dopo aver superato la malattia, è necessario passare alla pulizia del canale uditivo esterno non più di 1 volta a settimana.

etnoscienza

Poiché il più delle volte la malattia è di natura batterica, i medici non consigliano impacchi casalinghi. Per il trattamento, puoi usare salviette, gocce, turundas e lozioni dei seguenti fondi:

  • Aglio al forno o succo di cipolla
  • Tinture alcoliche di propoli o celidonia
  • Succo di aloe e Kalanchoe (specie medicinali di queste piante)
  • Infusi e decotti di erbe officinali (camomilla, calendula, ecc.).

Sarà anche utile utilizzare vari brodi vitaminizzanti e antinfiammatori invece di bere. Non cedere all'impulso di spremere da solo l'ascesso: può essere ancora più pericoloso che lasciarlo non trattato..

Qualsiasi metodo tradizionale deve essere combinato con la medicina tradizionale.

Fisioterapia e metodi alternativi

La procedura più comune per gli ascessi auricolari è l'actinoterapia. Questa procedura può essere chiamata condizionatamente trattamento "leggero" a causa dell'uso di lampade con luce infrarossa e ultravioletta.

Nelle fasi finali del trattamento vengono utilizzate la terapia UHF e paraffina e, in caso di aggiunta di altri processi infiammatori nell'orecchio, è possibile utilizzare la ionoforesi con sostanze medicinali.

La fisioterapia non può sostituire completamente i farmaci: le procedure mediche devono essere combinate con l'assunzione di farmaci.

Intervento chirurgico

Spesso la presenza di un ascesso richiede un intervento chirurgico. Nella fase iniziale della malattia, non è richiesta un'operazione globale: è necessaria una semplice escissione dell'ascesso per rimuovere il contenuto.

Non a tutti viene prescritta un'incisione per ascesso: dipende dalle sue dimensioni, dall'immunità del paziente, dalla sua età e dalle condizioni generali.

In alcuni casi, i medici cercano di fermare il processo infiammatorio senza ricorrere alla chirurgia. Questo viene praticato principalmente all'inizio della malattia e quando il paziente si sente bene con l'uso obbligatorio di antibiotici.

Si richiama anche l'attenzione sulla dimensione dell'ascesso e quando aumenta, l'apertura chirurgica è inevitabile.

Come trattare correttamente un ascesso dell'orecchio, guarda il nostro video:

Prevenzione

Come con molte altre malattie dell'orecchio, gli ascessi sono prevenibili..

  1. Il più importante in questo processo è il rafforzamento dell'immunità, una corretta igiene, la prevenzione dell'ipotermia e del surriscaldamento..
  2. Per rafforzare il sistema immunitario, è necessario utilizzare vari sistemi di indurimento, terapia vitaminica e minerale, dieta e stare regolarmente all'aria aperta.
  3. Particolarmente degno di nota sono i bagni d'aria, soprattutto per i bambini. Indossare un cappello tutto il tempo, anche quando fa caldo, non è in grado di proteggerti dalle malattie dell'orecchio. È necessario togliersi il cappello in modo tempestivo alle alte temperature esterne, così come indossarlo al vento e al freddo.
  4. Vale anche la pena sottolineare la corretta cura dell'orecchio e l'igiene in generale. Sforzi eccessivi per pulire il cerume possono danneggiare la pelle del condotto uditivo e causare infezioni. Le orecchie devono essere pulite delicatamente e non più di una volta alla settimana..
  5. È necessario prendere in considerazione l'igiene delle mani e delle unghie: non entrare nell'orecchio con le dita sporche. Soprattutto se le unghie sono piuttosto lunghe o affilate.
  6. Lo stesso vale per l'uso di articoli inadatti all'igiene - forcine e fiammiferi non devono essere usati per pulire le orecchie o per superare il prurito.

La prevenzione gioca un ruolo importante nella prevenzione della malattia, ma quando si verifica, non puoi fare affidamento sul caso, devi iniziare il trattamento.

La malattia può essere di diversi tipi, alcuni dei quali possono causare gravi danni alla salute, quindi non bisogna trascurare sia la prevenzione che il trattamento tempestivo..

Foruncolo (ebollizione) nell'orecchio: 5 motivi, foto, trattamento (5 rimedi), prevenzione

La salute umana dipende direttamente dallo stato del sistema immunitario. Se è forte e riconosce e distrugge sempre i suoi "avversari", allora tutti gli organi, dalla pelle al cuore, svolgono pienamente le loro funzioni. Un foruncolo nell'orecchio segnala una reazione inadeguata del corpo al patogeno "invasore".

Perché e da quali foruncoli compaiono nell'orecchio: 5 motivi

La pelle in alcuni punti a volte si infiamma e si sviluppa un foruncolo, in una semplice ebollizione, che rappresenta il rossore, trasformandosi in una pustola follicolare con la formazione di un bastoncino necrotico. Quindi viene respinto e, dopo la pulizia, la ferita risultante è sfregiata..

I motivi principali che provocano l'insorgenza dei sintomi della foruncolosi sono:

  • aumento della secrezione di sebo, che contribuisce a un blocco del follicolo pilifero o all'eccessiva sudorazione;
  • pulizia insufficiente della pelle e traumi (ad esempio, durante la pulizia delle orecchie);
  • malattia metabolica;
  • malnutrizione;
  • immunità troppo bassa.

I principali colpevoli sono i batteri che invadono la pelle vicino al follicolo pilifero. Sono molto spesso una specie di Staphylococcus, come Staphylococcus aureus, ma l'ebollizione può essere causata da altri tipi di batteri o funghi..

Anche un piccolo foruncolo che si apre nell'orecchio può essere molto doloroso. Ciò è dovuto al sito di localizzazione, dove ci sono molte terminazioni nervose che rispondono al processo infiammatorio. La natura del dolore è pulsante e si irradia (dà) alle tempie e alla parte posteriore della testa. Quando si preme sul padiglione auricolare, il dolore aumenta, il lobo stesso è indolore.

Altri sintomi possono includere prurito, irritazione e talvolta perdita / indebolimento temporaneo dell'udito (se l'infezione è grave).

Palchi e foto

Un foruncolo nel suo sviluppo attraversa 3 fasi:

  1. Inizialmente, sembra un tubercolo duro e arrossato, circondato da una pelle gonfia e tenera, non c'è ancora pus. Questa è la fase di infiltrazione che dura 1-3 giorni.
  2. Nella fase necrotica, l'ebollizione aumenta di dimensioni e si forma un nucleo purulento-necrotico. Arriva il momento in cui l'ebollizione matura, dura da tre a dieci giorni (a volte di più).
  3. Dal momento in cui la parte superiore piena di pus esplode e scade spontaneamente, inizia la fase di guarigione. La maggior parte degli ascessi aperti guarisce da sola entro 7-21 giorni.

Quando l'ebollizione si apre, appare la scarica e il dolore è significativamente ridotto. Una foto di un foruncolo nell'orecchio dà un'idea chiara di cosa sia in generale.

Nei bambini, specialmente quelli piccoli, è più difficile riconoscere l'ebollizione, perché non possono lamentarsi del dolore, ma solo agire e toccarsi l'orecchio. È possibile determinare il processo infiammatorio con un attento esame, dopo di che è necessario mostrare il bambino al medico, al fine di stabilire una diagnosi accurata, escludere l'infiammazione dell'orecchio medio e l'otite media e anche prescrivere un trattamento adeguato. IMPORTANTE: in un bambino, la foruncolosi è molte volte più grave che in un adulto.

Come curare un foruncolo nell'orecchio a casa: 5 rimedi efficaci

  1. Impacco secco. Il miglior rimedio per curare l'ebollizione da soli. Prendi un pezzo di stoffa pulita, aggiungi sale e forma un sacchetto. Per eseguire le procedure, riscaldarlo a uno stato caldo, ma non caldo. Applicare la borsa sulla zona dolorante dell'orecchio per 10-15 minuti. Puoi ripetere la procedura 3-5 volte al giorno finché il pus non viene rimosso e la ferita guarisce. L'ebollizione non deve essere spremuta o bucata in quanto può diffondere l'infezione.
  2. La ricetta della nonna. Macinare la cipolla al forno e riscaldarla a temperatura corporea, lasciare la pappa su un tovagliolo di garza in un punto dolente durante la notte, fissandola con un cerotto da farmacia. Questo rimedio popolare ha proprietà antisettiche e antinfiammatorie e allevia il dolore. Il processo genera calore e purifica il sangue. È necessario applicare l'arco per 15 minuti fino a quando l'ebollizione non scoppia completamente ed è vuota, circa tre volte al giorno, con brevi pause.
  3. Agave curativa. Tritate le foglie di aloe, in generale preparate l'impacco allo stesso modo delle cipolle. La pianta medicinale può essere utilizzata anche nel processo di guarigione delle ferite dopo l'apertura dell'ebollizione. Oltre alle proprietà antisettiche, l'aloe ha anche un effetto curativo delle ferite. Il centenario purifica qualitativamente i tessuti e migliora la loro nutrizione, saturandoli di nutrienti utili. Frequenza: 5 volte al giorno, per 25-30 minuti, prendendo intervalli uguali di riposo.
  4. Ricetta degli apicoltori. Mescolare il miele con la farina di grano fino a formare una miscela densa. Attacca la torta risultante a ebollizione. Inumidisci un tovagliolo di garza con alcool o vodka, attaccalo alla torta e coprilo con un film sopra e incollalo con un cerotto. Un impacco di miele aiuta bene l'apertura spontanea dell'ebollizione, accelerando più volte la maturazione e la guarigione dell'ascesso. È necessario applicare da due a cinque volte al giorno, per 10 minuti.
  5. Il rimedio più innocuo. Un impacco riscaldante con patate malandate viene spesso utilizzato per eliminare un foruncolo all'interno dell'orecchio, quando è importante agire sulla pelle il più "delicatamente" possibile. Grattugiare le patate (preferibilmente fatte in casa o acquistate dagli agricoltori), attaccare la polpa succosa a ebollizione, formando una forma adatta. Coprire la massa con un film o un batuffolo di cotone e fissarla con un cerotto per mezz'ora. Puoi ripetere tutte le volte che vuoi, per 10-20 minuti, fino a quando non riesci a sfondare.

I rimedi casalinghi possono spesso essere la soluzione migliore per il trattamento di foruncoli non complicati. Se lo desideri, puoi usare unguenti speciali usati nella lotta contro le bolle..

Se l'ebollizione o l'infiammazione sono dolorose, si può prendere in considerazione il paracetamolo (500 mg 2-4 volte al giorno) per ridurre il dolore e la febbre lieve.

Quale medico contattare se non migliora?

Si consiglia di iniziare il trattamento dell'ebollizione nell'orecchio con medicinali e rimedi locali. Nella fase iniziale, non vi è alcun motivo per la terapia antibiotica sistemica.

Prima di tutto, il condotto uditivo viene pulito meccanicamente, se c'è scarico, è necessario risciacquarlo con soluzione di furacilina (1: 5000) o soluzione salina sterile e asciugarlo.

L'instillazione con gocce auricolari contenenti corticosteroidi e un antibiotico ad ampio spettro può essere sufficiente per ottenere una rapida risposta clinica.

Tutto ciò è importante da fare sotto la supervisione di un medico specialista..

Mantenere pulito il condotto uditivo esterno e utilizzare gocce speciali prescritte da un medico allevierà l'infiammazione e il dolore nell'orecchio in pochi giorni..

Non dovresti perdere tempo se compare uno qualsiasi di questi sintomi:

  • Strisce rosse vicino all'ebollizione;
  • Il dolore sta peggiorando;
  • Il foruncolo non si apre;
  • Inizia ad avere la febbre;
  • I linfonodi si ingrandiscono.

Al fine di evitare un'ulteriore diffusione dell'infezione, è consigliabile consultare un medico ORL, che nel suo lavoro è guidato dalla classificazione internazionale delle malattie. Secondo ICD-10, un foruncolo nell'orecchio ha un codice H 60.0 "Ascesso dell'orecchio esterno".

Quando compaiono i sintomi di cui sopra, il medico deve identificare l'agente patogeno batterico o fungino mediante anamnesi e facendo i test necessari, a seguito dei quali redigere un regime di trattamento.

È necessario considerare la possibilità della presenza di un'infezione mista. Un buon effetto è l'applicazione locale dell'unguento "Levomekol", un farmaco complesso che agisce su streptococchi, stafilococchi, colibacillus e Pseudomonas aeruginosa. Oltre all'azione antimicrobica, l'unguento ha proprietà rigeneranti e antinfiammatorie..

I farmaci dovrebbero essere diretti a:

  • Distruzione dell'agente infettivo;
  • Rimozione del processo infiammatorio;
  • Riduzione del dolore e della febbre (se presenti).

In caso di comparsa di più foruncoli o di ricomparsa di un ascesso nell'orecchio dopo il trattamento, consultare un dermatologo.

Un chirurgo è necessario quando un'ebollizione matura non si apre. Quindi, in anestesia locale, viene praticata una piccola incisione e viene rimosso il contenuto purulento-necrotico..

Nel 2020, c'è qualcosa per curare l'ebollizione nell'orecchio e senza farmaci. Le procedure di fisioterapia danno un buon effetto:

  • tubo di quarzo;
  • irradiazione dell'area infiammata con un laser a elio-neon;
  • UHF (terapia ad altissima frequenza) viene utilizzato nella fase di guarigione.

Durante il trattamento, è necessario monitorare attentamente la pulizia dell'area di ebollizione. Quando scoppia, coprire la ferita con una medicazione sterile o una garza per prevenire la diffusione dell'infezione durante il periodo di guarigione.

Cosa succede se corri?

Le malattie infiammatorie dell'orecchio esterno sono abbastanza comuni in persone di età diverse. Il decorso della foruncolosi è influenzato dallo stato del sistema immunitario dell'organismo, dalla presenza di malattie croniche, dal diabete mellito, dall'anemia da carenza di ferro.

Con una combinazione sfavorevole di diversi fattori, possono svilupparsi complicazioni:

  • erisipela: l'intero padiglione auricolare è interessato, il rossore e il gonfiore hanno confini distinti, sembrano lingue di fiamma, la temperatura sale a 38-39 gradi. Trattamento: antibiotici della serie di penicilline e stufato con soluzione alcolica al 5% di iodio;
  • pericondrite: la cartilagine del padiglione auricolare si infiamma, caratterizzata da sindrome del dolore, febbre alta o bassa (da 37 a 38 gradi). Trattamento: terapia antibiotica e rimozione chirurgica di ascessi subpericondrali e aree necrotiche della cartilagine, fisioterapia (non sempre);
  • osteomielite ossea nella tempia: distruzione del tessuto osseo, accompagnata da dolore acuto e aumento della temperatura a 37,5-38,5 gradi. Trattamento: rimozione chirurgica di aree patologiche, la ferita viene chiusa con un innesto automatico. La previsione è per lo più favorevole.

Prevenzione

I problemi di prevenzione possono essere considerati evidenziando 3 sezioni principali:

  • psicosomatica;
  • igiene;
  • sport e alimentazione sana.

La psicosomatica afferma che i disturbi del corpo di una persona sono causati da disturbi mentali. Questa scienza mostra cosa fare con i tuoi atteggiamenti interiori per migliorare la qualità della vita. Esistono molte classificazioni delle malattie psicosomatiche.

Il più popolare è il tavolo di Louise Hay, dove ha indicato le cause psicologiche della maggior parte delle malattie e ha dato loro delle affermazioni come uno dei metodi di trattamento. Ad esempio, un ascesso è causato dalle seguenti emozioni:

"Rabbia. Bollente. Confusione".

Per cambiare l'umore psicologico e rimuovere le emozioni negative, si consiglia la seguente affermazione:

“Esprimo gioia e amore. La mia anima è calma ".

La ripetuta ripetizione di questa frase fissa l'impostazione desiderata nel subconscio e migliora lo stato psico-emotivo.

Questo metodo di trattamento porta risultati positivi e, con la dovuta diligenza e fiducia nel successo, previene la comparsa di nuovi ascessi..

IMPORTANTE: ti aiuterà solo se ci credi fortemente!

Il rispetto delle norme igieniche previene le principali cause di bolle:

  • fare la doccia o il bagno regolarmente usando sapone o gel antibatterico;
  • risciacquare delicatamente le orecchie e la pelle intorno a loro dopo ogni lavaggio;
  • lavaggio frequente delle mani con disinfettanti;
  • trattare adeguatamente anche ferite minori, al fine di evitare infezioni;
  • lavaggio accurato regolare di vestiti, biancheria da letto e asciugamani per il viso.

Una corretta alimentazione poiché la prevenzione della foruncolosi implica l'inclusione nella dieta di una quantità sufficiente di fibre, proteine, vitamine e minerali. Il cibo non dovrebbe creare condizioni per la stitichezza.

Devi bere almeno 1,5-2 litri di acqua pulita al giorno.

L'educazione fisica e lo sport regolari svilupperanno il corpo e l'indurimento aumenterà l'immunità alle infezioni e rafforzerà il sistema immunitario. Le passeggiate quotidiane all'aria aperta rivitalizzano il corpo e rinfrescano la pelle..

Seguendo le misure preventive molto semplici consigliate, puoi dimenticare per sempre i foruncoli, sia nell'orecchio che in altre parti del corpo.

Ascesso dell'orecchio esterno

Un ascesso dell'orecchio esterno è un processo purulento-necrotico che colpisce uno o più follicoli piliferi, la ghiandola sebacea e i tessuti molli adiacenti della parte cartilaginea membranosa del condotto uditivo o del padiglione auricolare. Si manifesta con iperemia, edema cutaneo, dolore di varia intensità nell'area di formazione di ascessi e sintomi di intossicazione generale. La diagnosi viene stabilita sulla base di esami, dati otoscopici e test di laboratorio. Viene prescritta una terapia conservativa con l'uso di antibiotici e antisettici. In assenza di effetto, viene eseguita l'apertura chirurgica dell'ascesso.

ICD-10

  • Le ragioni
  • Patogenesi
  • Sintomi
  • Complicazioni
  • Diagnostica
  • Trattamento ascesso dell'orecchio esterno
    • Terapia conservativa
    • Chirurgia
  • Previsione e prevenzione
  • Prezzi del trattamento

Informazione Generale

Un ascesso dell'orecchio esterno si verifica quando un'infezione penetra negli strati profondi della pelle, nel tessuto sottocutaneo del padiglione auricolare o del canale uditivo. In termini di frequenza di insorgenza, la malattia è al terzo posto tra tutte le patologie dell'orecchio esterno. Più spesso, un ascesso del canale uditivo esterno, suppurazione dell'ateroma dietro l'orecchio, meno spesso - viene rilevata un'infiammazione purulenta del lobo. Persone di qualsiasi età sono ammalate. Il tasso di incidenza è leggermente superiore nella fascia di età dai 10 ai 19 anni, così come tra gli anziani con diabete mellito, altra patologia cronica che indebolisce il sistema immunitario. Nell'ICD 10 l'ascesso, il foruncolo e il carbonchio dell'orecchio esterno sono combinati in un unico gruppo.

Le ragioni

Gli agenti causali della malattia sono i batteri. Molto spesso, la causa immediata della comparsa di un ascesso è Staphylococcus aureus e Pseudomonas aeruginosa, meno spesso - streptococchi e altri rappresentanti della microflora coccal gram-positiva. Lo Staphylococcus aureus abita la pelle e le mucose della maggior parte delle persone, lo Pseudomonas aeruginosa vive nell'acqua e nell'aria ovunque. Essendo condizionatamente patogeni, questi microrganismi provocano solitamente lo sviluppo della malattia in presenza dei seguenti fattori di rischio:

  • Lesioni all'orecchio esterno. La formazione di suppurazione limitata nel condotto uditivo esterno è causata da un trauma alle sue pareti. Il danno si verifica quando le orecchie non sono adeguatamente vestite, utilizzando oggetti che possono violare l'integrità della pelle. Un ascesso complica qualsiasi lesione meccanica, fisica o chimica al padiglione auricolare. Spesso una conseguenza dei piercing.
  • Stati di immunodeficienza. La patologia si verifica spesso in pazienti con disturbi immunitari. Un ascesso dell'orecchio esterno si sviluppa in persone con infezione da HIV con tubercolosi e altre gravi malattie croniche, con una diminuzione dell'immunità locale, ad esempio, dopo radiazioni alla testa o al collo.

Spesso appare suppurazione locale dell'orecchio esterno, si ripresenta sullo sfondo del diabete mellito e di altre patologie endocrine, suppurazione cronica dall'orecchio. Un prerequisito per l'insorgenza della malattia a volte è una lunga degenza ospedaliera. L'ascesso nosocomiale è più grave. I ceppi ospedalieri di flora coccal, Pseudomonas aeruginosa, sono spesso resistenti agli antibiotici. Le bolle multiple si formano con l'ipovitaminosi.

Patogenesi

Il processo patologico è localizzato nelle zone dell'orecchio dove sono presenti i peli: nella parte fibro-cartilaginea del canale uditivo, sul padiglione auricolare. Gli agenti infettivi vengono introdotti attraverso le lesioni della pelle dell'orecchio esterno nel follicolo pilifero, la ghiandola sebacea. Si sviluppa una reazione infiammatoria, i neutrofili si precipitano nel luogo di accumulo di batteri. Si forma l'infiltrazione. L'infiammazione a volte si diffonde ai tessuti molli del viso e del collo, il processo mastoideo. Il processo patologico coinvolge spesso le ghiandole salivari e i linfonodi..

Nell'area dell'infiltrato infiammatorio, sotto l'azione degli enzimi secreti dai neutrofili, si verificano necrosi e fusione dei tessuti. Si forma una cavità purulenta, circondata da una capsula piogenica. Successivamente, l'ascesso si svuota spontaneamente, l'essudato purulento viene separato. Si forma una cavità, che viene poi riempita di granulazioni. Un ascesso guarisce attraverso le cicatrici. Dopo la guarigione di una piccola ebollizione, non rimangono tracce.

Sintomi

Nella fase iniziale della malattia si osservano arrossamento della pelle, edema e ispessimento dei tessuti nel sito di formazione di un ascesso. Il paziente è preoccupato per il prurito all'orecchio, quindi il dolore si unisce. La gravità della sindrome del dolore dipende dalla localizzazione del processo patologico. Con suppurazione limitata dell'area del canale uditivo esterno, il dolore è intenso, di natura pulsante. Il sintomo peggiora di notte, durante la masticazione, si irradia alla regione temporale, ai denti e al collo. Quando si forma un ascesso del padiglione auricolare, il dolore si avverte solo alla palpazione dell'infiltrato.

Un ampio ascesso blocca parzialmente il condotto uditivo, provocando una sensazione di congestione e perdita dell'udito. Ci sono sintomi di intossicazione generale: la temperatura corporea sale a valori subfebrili e febbrili. I linfonodi parotidei si ingrandiscono. I bambini piccoli con questa malattia si comportano irrequieti, portando le mani all'orecchio dolorante. I bambini hanno disturbi del sonno, mancanza di appetito. Un ascesso nella parete posteriore del condotto uditivo provoca tosse e vomito in un bambino malato. Dopo aver aperto l'ascesso, il pus viene rilasciato dalla ferita in una quantità moderata, le condizioni del paziente migliorano in modo significativo.

Complicazioni

Un ascesso dell'orecchio esterno è in grado di risolversi spontaneamente aprendosi e svuotandosi da solo nei giorni 3-7 della malattia. In caso di disfunzioni delle difese immunitarie locali o sistemiche, il processo suppurativo spesso si diffonde ulteriormente lungo le pareti del canale uditivo, acquisendo un decorso prolungato. Si forma un'otite esterna diffusa acuta o cronica. Attraverso le ghiandole di Santorini, l'infezione penetra nella ghiandola parotide e provoca infiammazione..

Come risultato della transizione del processo patologico alla cartilagine dell'orecchio, si verifica condrite, il padiglione auricolare è deformato. Meno spesso, una suppurazione limitata nel condotto uditivo causa la comparsa di otite media, miringite. Negli individui immunocompromessi, si verifica la diffusione ematogena dell'infezione, si sviluppano mastoidite, sepsi e complicanze intracraniche otogeniche, che possono essere fatali. Il tasso di mortalità dei pazienti con suppurazione dell'orecchio esterno limitato è dello 0,04%.

Diagnostica

La ricerca diagnostica in caso di sospetto di un ascesso dell'orecchio esterno viene eseguita da un otorinolaringoiatra. Quando la suppurazione è localizzata vicino alla bocca del condotto uditivo, sul lobo dell'orecchio o nella regione dietro l'orecchio, la formazione viene visualizzata ad occhio nudo. C'è un'iperemia pronunciata della pelle, gonfiore visibile. La palpazione del padiglione auricolare è dolorosa. I linfonodi regionali sono ingranditi. Per la conferma finale della diagnosi, vengono eseguite le seguenti operazioni:

  • Otoscopia. È il principale metodo di ricerca eseguito per rilevare un ascesso nel canale uditivo. Con l'otoscopia, viene determinata una formazione dolorosa che blocca parzialmente il condotto uditivo. Nella parte superiore dell'ebollizione, c'è un tappo bianco-giallastro purulento. Dopo aver svuotato l'ascesso, rimane una depressione a forma di cratere. L'otoscopia consente di differenziare l'otite media esterna limitata con diffusa, per escludere la patologia dell'orecchio medio.
  • Ricerca di laboratorio. La determinazione della glicemia e il test per l'infezione da HIV vengono eseguiti per chiarire lo stato immunitario del paziente, per rilevare il diabete mellito. Se necessario, viene eseguita la semina dello scarico dall'orecchio alla microflora e la sensibilità ai farmaci antibatterici.

Un decorso prolungato e ricorrente di un processo infiammatorio purulento locale richiede una diagnosi differenziale di un ascesso con una malattia oncologica dell'orecchio esterno. Per escludere neoplasie, vengono eseguite dermatoscopia, biopsia seguita da esame citologico del materiale patologico. Tali pazienti necessitano di ulteriori consultazioni con un oncologo. In casi non chiari, vengono utilizzate tecniche di radiazione: raggi X, TC delle ossa temporali.

Trattamento ascesso dell'orecchio esterno

Nella maggior parte dei casi, i pazienti con un processo suppurativo locale dell'orecchio esterno ricevono un trattamento conservativo ambulatoriale. I bambini e gli anziani con immunodeficienze gravi e altre patologie concomitanti, manifestazioni cliniche gravi, nonché i pazienti con mastoidite e altre gravi complicanze che richiedono un intervento chirurgico sono soggetti a ricovero nel reparto di otorinolaringoiatria..

Terapia conservativa

La terapia farmacologica comprende l'uso di farmaci antibatterici, ormoni corticosteroidi e antisettici topici. Il trattamento antibiotico inizia il primo giorno. La preferenza è data ai farmaci di azione locale sotto forma di unguenti, soluzioni. I farmaci combinati sono più comunemente usati. L'uso di antibiotici di azione sistemica è mostrato in caso di manifestazioni locali pronunciate con tendenza alla diffusione di patologie purulente, intossicazione generale significativa.

Gli antibiotici vengono prescritti empiricamente fino a quando non si ottengono i risultati del test di sensibilità alla microflora. Viene utilizzato un ampio spettro di farmaci - aminopenicilline protette, macrolidi, con inefficacia del trattamento in corso - fluorochinoloni. Per accelerare la maturazione dell'ascesso, vengono inoltre utilizzati UFO, UHF e altre procedure fisioterapiche. Allo stesso tempo, viene eseguita la correzione farmacologica della patologia cronica esistente, una diminuzione dei livelli di glucosio nel sangue.

Chirurgia

Una terapia conservativa efficace porta al riassorbimento della formazione patologica nella fase di infiltrazione. Se ciò non accade, l'ascesso è soggetto a trattamento chirurgico. Altre indicazioni per la chirurgia sono un grande ascesso, un alto rischio di complicanze. Durante la manipolazione, viene aperto un ascesso. La cavità risultante viene lavata con antisettici, viene installato il drenaggio.

Previsione e prevenzione

Un ascesso dell'orecchio esterno è per lo più favorevole. In alcuni pazienti, l'ebollizione si ripresenta nella fase di infiltrazione. La prognosi peggiora in modo significativo con la comparsa di segni di sviluppo di gravi complicanze. Le misure preventive sono volte al trattamento tempestivo dell'otite media cronica, alla correzione dei disturbi endocrini e alle funzioni del sistema immunitario. Per prevenire la formazione di foruncoli, dovresti evitare di traumatizzare le orecchie, trattare le aree perforanti in modo tempestivo con antisettici.

Ateroma dietro l'orecchio

Tutti i contenuti di iLive vengono esaminati da esperti medici per garantire che siano il più accurati e concreti possibile.

Abbiamo linee guida rigorose per la selezione delle fonti di informazione e ci colleghiamo solo a siti Web affidabili, istituti di ricerca accademica e, ove possibile, comprovata ricerca medica. Si noti che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono collegamenti interattivi a tali studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia inaccurato, obsoleto o altrimenti discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

L'intera area del padiglione auricolare comprende molte ghiandole sebacee, si trovano anche nella zona dietro l'orecchio, in cui si possono formare lipomi, papillomi, fibromi, compreso l'ateroma dietro l'orecchio.

Nell'area dell'orecchio, del padiglione auricolare, possono formarsi tumori grassi sottocutanei, quasi tutti caratterizzati da crescita lenta e decorso benigno.

Statisticamente, un tumore nell'area dietro l'orecchio viene diagnosticato solo nello 0,2% dei casi del numero totale di neoplasie benigne del viso. Molto più comuni sono le cisti e i tumori del padiglione auricolare, in particolare i lobi delle orecchie. Ciò è dovuto alla struttura dell'orecchio, che consiste principalmente di tessuto cartilagineo, lo strato grasso è solo nel lobo, che non contiene cartilagine.

Codice ICD-10

Cause di ateroma dietro l'orecchio

Si ritiene che le ragioni principali per la comparsa dell'ateroma come blocco del dotto escretore della ghiandola sebacea risiedano nei disturbi metabolici o nelle interruzioni ormonali. Infatti, l'accumulo della secrezione delle ghiandole di secrezione esterna (glandulae sebacea) può essere innescato da un'eccessiva produzione di ormoni, ma ci sono anche altri fattori. Ad esempio, le cause dell'ateroma dietro l'orecchio possono essere: •

  • Aumento della sudorazione a causa dell'interruzione del sistema nervoso autonomo, che regola i sistemi escretori e può provocare disfunzioni degli organi interni.
  • Seborrea, compreso il cuoio capelluto.
  • Acne: semplice, flemmatico, spesso nella parte superiore del collo.
  • Piercing errato, piercing all'orecchio e ridistribuzione compensatoria delle secrezioni sebacee dalle ghiandole sebacee danneggiate e sfregiate.
  • Diabete.
  • Malattie endocrine.
  • Trauma cranico con danni alla pelle intorno all'orecchio (formazione di cicatrici).
  • Specifico tipo di pelle grassa.
  • Produzione di testosterone in eccesso.
  • Ipotermia o esposizione prolungata alla luce solare diretta.
  • Violazione delle regole di igiene personale.

In generale, le cause dell'ateroma, comprese quelle che si formano dietro l'orecchio, sono dovute al restringimento del dotto della ghiandola sebacea, un cambiamento nella consistenza della secrezione sebacea, che diventa più densa, e l'otturazione dell'estremità rastremata di espulsione. Nel sito del blocco si forma una cavità cistica, in cui si accumulano lentamente ma costantemente detriti (cellule epiteliali, cristalli di colesterolo, particelle cheratinizzate, grasso), quindi l'ateroma aumenta e diventa visibile ad occhio nudo, cioè inizia a manifestarsi in senso clinico.

Sintomi di ateroma dietro l'orecchio

L'ateroma, indipendentemente dalla sua posizione, si sviluppa in modo asintomatico nei primi mesi, cioè non è accompagnato da dolore o altro disagio. Anche i sintomi dell'ateroma dietro l'orecchio non sono specifici, la neoplasia da ritenzione cresce molto lentamente, il dotto della ghiandola sebacea rimane aperto per qualche tempo e parte della secrezione di grasso viene escreta sulla pelle, verso l'esterno. Il detrito che si accumula gradualmente cambia la sua consistenza, diventa più spesso, viscoso, è lui che intasa la ghiandola stessa e quindi la sua uscita.

I sintomi dell'ateroma dietro l'orecchio possono essere i seguenti:

  • Il tumore è rotondo e piccolo.
  • La cisti è ben sentita sotto la pelle come una formazione elastica, piuttosto densa, nel suo insieme, non saldata alla pelle.
  • L'ateroma ha una capsula e un segreto pastoso all'interno (detriti).
  • La cisti da ritenzione della ghiandola sebacea è soggetta a infiammazione e suppurazione.
  • Una caratteristica distintiva caratteristica per la quale si distingue l'ateroma da un lipoma è un'adesione parziale alla pelle nella zona di allargamento della cavità cistica e la presenza di una piccola uscita appena percettibile sotto forma di un punto scuro (nel caso di infiammazione purulenta, un punto bianco convesso).
  • A causa dell'adesione parziale e puntuale, la pelle sopra la cisti non può essere piegata durante la palpazione.
  • L'aumento dell'ateroma dietro l'orecchio può essere accompagnato da prurito, sensazione di bruciore.
  • L'ateroma purulento si manifesta con sintomi tipici di un ascesso sottocutaneo: pelle arrossata sopra la cisti, aumento della temperatura locale, dolore.
  • Un ateroma suppurativo è incline all'apertura spontanea quando il pus fuoriesce, ma la parte principale della cisti rimane all'interno e viene riempita nuovamente di detriti.
  • L'ateroma infiammato può essere accompagnato da un'infezione secondaria quando i sintomi diventano più pronunciati: febbre, mal di testa, affaticamento, debolezza, nausea.

Nonostante i sintomi dell'ateroma dietro l'orecchio non siano specifici e compaiano solo in caso di un forte aumento della cisti sottocutanea, il gonfiore può essere notato durante l'esecuzione di procedure igieniche (lavaggio). Qualsiasi condensa atipica per l'area dell'orecchio, "palla" o "wen" dovrebbe essere mostrata a un medico - dermatologo, cosmetologo per determinare la natura della neoplasia e scegliere un metodo per il suo trattamento.

Ateroma dietro l'orecchio del bambino

L'ateroma in un bambino può essere una neoplasia congenita, che molto spesso ha un carattere benigno. Inoltre, abbastanza spesso, le cisti delle ghiandole sebacee sono confuse con lipomi, foruncoli sottocutanei, cisti dermoidi o linfonodi ingrossati.

La comparsa di veri ateromi nei bambini è associata ad un aumento della produzione di secrezione sebacea, che si normalizza di 5-6 anni, quindi nella pubertà è possibile un'ipersecrezione ripetuta delle ghiandole sebacee, quando i detriti (cristalli di colesterolo, grasso) si accumulano nei dotti. Meno spesso, la causa della formazione di ateroma dietro l'orecchio in un bambino può essere una scarsa cura elementare in senso igienico. E molto raramente, il fattore provocante è un tentativo di "tagliare i capelli" in modo indipendente per il bambino, cioè un taglio di capelli inetto con danni ai follicoli piliferi.

L'ateroma dietro l'orecchio, sia in un bambino che in un adulto, non si manifesta con dolore o altro disagio, tranne nei casi di infiammazione e suppurazione. Quindi la cisti sembra un ascesso, spesso molto grande. L'ascesso può aprirsi, ma la capsula dell'ateroma rimane all'interno, quindi l'unico modo per sbarazzarsene può essere solo un'operazione.

Se l'ateroma è piccolo, si osserva fino a quando il bambino raggiunge 3-4 anni, quindi la cisti deve essere esfoliata. Per i bambini di età inferiore a 7 anni, tutte le procedure chirurgiche di questo tipo vengono eseguite in anestesia generale; per un paziente più anziano, la rimozione della cisti viene eseguita in anestesia locale. L'operazione in sé dura non più di 30-40 minuti e non è considerata difficile o pericolosa. Inoltre, tale trattamento allevia il bambino non tanto da un difetto estetico quanto dal rischio di suppurazione dell'ateroma e possibili complicazioni da tale processo - infezione interna dei tessuti molli della testa, flemmone e infezione dell'orecchio in generale. Il nuovo metodo più efficace è la "evaporazione" delle onde radio dell'ateroma, in cui il tessuto non viene sezionato, quindi non c'è cicatrice sulla pelle, questo metodo è considerato affidabile e nel senso di eliminare la minima possibilità di recidiva della cisti, quindi, garantisce l'efficacia del trattamento.

Dietro l'orecchio ateroma

L'ateroma dietro l'orecchio, la cisti, come altre neoplasie sottocutanee, è un evento estremamente raro nella chirurgia maxillo-facciale. Questa zona è molto povera di strato grasso, quindi, la formazione di lipomi, ateromi si verificano in non più dello 0,2% del numero totale di neoplasie benigne nell'area della testa.

Una cisti da ritenzione della ghiandola sebacea dietro l'orecchio può essere simile a un adenoma delle ghiandole salivari, che viene diagnosticato molto più spesso. In ogni caso, oltre all'esame iniziale e alla palpazione, sono necessarie una radiografia e un'ecografia dei linfonodi vicini, forse anche una risonanza magnetica o una TAC (tomografia computerizzata).

Se il medico sospetta che il paziente sviluppi un ateroma dietro l'orecchio, che ha un decorso benigno, la cisti viene asportata senza attendere l'infiammazione o la suppurazione. Durante l'operazione, il materiale tissutale viene inviato all'istologia senza fallo, il che conferma o rifiuta la diagnosi iniziale.

Per segni esterni, è piuttosto difficile distinguere l'ateroma dal lipoma dietro l'orecchio, entrambe le neoplasie sono indolori, hanno una struttura densa e sono quasi identiche nei sintomi visivi. L'unica eccezione può essere un punto appena percettibile del condotto di deflusso della ghiandola sebacea, soprattutto se la sua otturazione è avvenuta più vicino alla pelle. Più specifico è l'ateroma infiammato dietro l'orecchio, che si manifesta con il dolore, un aumento locale della temperatura. Con una cisti grande e in via di estinzione, la temperatura corporea generale può aumentare e possono comparire sintomi tipici di ascessi sottocutanei o flemmone. L'ateroma purulento può aprirsi da solo all'interno, nel tessuto sottocutaneo, questa condizione è estremamente pericolosa non solo per la salute (versamento di pus nel canale uditivo interno, nel tessuto cartilagineo del guscio) del paziente, ma a volte per la vita, poiché minaccia di intossicazione sistemica, sepsi.

La rimozione dell'ateroma dietro l'orecchio ha le sue difficoltà, poiché ci sono molti grandi vasi sanguigni e linfonodi in quest'area. La cisti viene operata nel cosiddetto "periodo freddo", cioè quando la neoplasia è già aumentata, ma non si è infiammata e non presenta segni di infezione secondaria. La procedura di rimozione non richiede molto tempo, le nuove tecnologie mediche, come l'escissione laser o con onde radio delle neoplasie, sono assolutamente indolori e consentono di evitare una ruvida cicatrice sulla pelle e ricadute.

Ateroma del lobo dell'orecchio

Una cisti sebacea può formarsi solo in una zona ricca di glandulae sebaseae - ghiandole alveolari che secernono sebo (sebo) o secrezione sebacea e grassa che protegge la pelle, donandole elasticità. L'orecchio è quasi tutto costituito da tessuto cartilagineo e solo il suo lobo ha ghiandole interne simili e strato di grasso sottocutaneo. Pertanto, è in questa zona che può svilupparsi una neoplasia da ritenzione o un ateroma del lobo dell'orecchio..

La cisti si sviluppa senza evidenti manifestazioni cliniche, poiché i dotti della ghiandola nel lobo sono molto stretti e la ghiandola stessa non produce attivamente sebo. Il motivo più comune per la formazione di ateroma del lobo dell'orecchio è considerato una puntura o una lesione non riuscita in quest'area (lacerazione, altre lesioni). L'orecchio non è una parte del corpo dipendente dagli ormoni, quindi i soliti fattori che provocano l'ateroma (disturbi metabolici, pubertà o menopausa) hanno scarso effetto sul suo aspetto.

Ragioni per la formazione di ateroma del lobo:

  • Infezione del piercing (pelle o strumenti mal trattati), infiammazione della ghiandola sebacea.
  • Processo infiammatorio nel sito di puntura del lobo dell'orecchio, un microascesso che comprime il dotto della ghiandola sebacea.
  • Guarigione incompleta del sito di puntura e aumento delle cellule di granulazione, tessuto che comprime il dotto della ghiandola sebacea.
  • Una ferita lacerata del lobo con trauma cranico, livido, una cicatrice cheloide comprime le ghiandole sebacee, interrompendo la normale secrezione delle secrezioni sebacee.
  • Disturbi ormonali (rari).
  • Eredità (tendenza genetica a ostruire le ghiandole sebacee).

I sintomi che una cisti sottocutanea può segnalare da sola possono essere i seguenti:

  1. L'aspetto di un piccolo sigillo sul lobo.
  2. La cisti non fa affatto male e provoca disagio, l'unica cosa che può posizionare è un difetto estetico esterno.
  3. L'ateroma si infiamma abbastanza spesso, specialmente nelle donne che indossano gioielli sull'orecchio (orecchini, fermagli). Spesso un'infezione secondaria si unisce alla cisti, i batteri penetrano in una piccola apertura della ghiandola sebacea, che è già ostruita dai detriti, di conseguenza si sviluppa un ascesso nel lobo.
  4. Una cisti sottocutanea in quest'area è raramente grande, molto spesso il suo massimo è di 40-50 millimetri. Le cisti più grandi sono ascessi, che quasi sempre si aprono da soli, con il deflusso di contenuti purulenti. Nonostante la diminuzione delle dimensioni dell'ateroma, rimane al suo interno sotto forma di una capsula vuota, in grado di riaccumulare secrezioni sebacee e ricorrenti

Gli ateromi vengono sempre trattati chirurgicamente, la cisti del lobo dell'orecchio deve essere rimossa il prima possibile, le piccole neoplasie vengono asportate entro 10-15 minuti, l'intera operazione viene eseguita in regime ambulatoriale. Una piccola cicatrice dopo l'enucleazione dell'ateroma è praticamente invisibile e non può essere considerata un difetto estetico, a differenza di una cisti infiammata molto grande, che, tra le altre cose, è soggetta a suppurazione e comporta una potenziale minaccia di sviluppare un ascesso del lobo dell'orecchio.

Ateroma del condotto uditivo

Il canale uditivo esterno dell'orecchio è costituito da cartilagine e tessuto osseo, nella pelle ci sono ghiandole di zolfo e sebacee, quindi l'ateroma del condotto uditivo nei pazienti viene diagnosticato abbastanza spesso. Questa zona è di difficile accesso per le procedure igieniche quotidiane, ostruzione dei dotti escretori sia con secrezioni sebacee che con cerume secreto (zolfo). Le neoplasie sottocutanee del condotto uditivo si sviluppano a causa della specifica localizzazione delle ghiandole. Il passaggio è ricoperto di pelle, sulla quale crescono i peli più piccoli, con i quali, a loro volta, sono strettamente collegate numerose ghiandole sebacee. Sotto le ghiandole alveolari ci sono glandula ceruminosa - condotti ceruminosi che producono zolfo. Alcune di queste ghiandole hanno condotti collegati ai condotti di deflusso delle glandulae sebaseae (ghiandole sebacee), quindi la loro otturazione in un modo o nell'altro si verifica periodicamente come condizione inevitabile dell'apparecchio acustico. Tuttavia, per la formazione di una cisti di ritenzione, cioè l'ateroma, sono necessari altri fattori, ad esempio:

  • Infezioni dell'orecchio, infiammazione.
  • Lesione all'orecchio.
  • Disfunzioni endocrine.
  • Disturbi metabolici.
  • Disturbi del sistema nervoso autonomo.
  • Disturbi ormonali.
  • Violazioni delle regole di igiene personale o lesioni al condotto uditivo durante il tentativo di rimuovere il tappo di zolfo.

La diagnosi di ateroma del canale uditivo esterno necessita di differenziazione, poiché in questa zona si possono trovare altre formazioni simili a tumori, comprese quelle di natura infiammatoria o maligna. L'ateroma dovrebbe essere separato dalle seguenti patologie del condotto uditivo:

  • Foruncolo.
  • Otite media acuta del canale uditivo esterno (principalmente di natura stafilococcica).
  • Fibroma.
  • Tumore della ghiandola ceruminosa - ceruminoma o atenoma.
  • Ematoma capillare (angioma).
  • Emangioma cavernoso.
  • Cisti dermoide (più comune nei neonati).
  • Linfangioma.
  • Condrodermatite.
  • Adenoma del condotto uditivo.
  • Lipoma.
  • Mixoma.
  • Mioma.
  • Xantoma.
  • Colesteatoma epidermoide (cheratosi otturica).

La diagnostica, oltre alla raccolta dell'anamnesi e all'esame iniziale, può includere i seguenti metodi:

  • Esame a raggi X..
  • Scansione TC del cranio.
  • Dermatoscopia.
  • Procedura ad ultrasuoni.
  • Citologia con tampone auricolare.
  • Otoscopia (esame del condotto uditivo interno utilizzando un dispositivo speciale).
  • Faringoscopia (secondo le indicazioni).
  • Microlaringoscopia (secondo indicazioni).
  • Angiografia (secondo le indicazioni).
  • L'audiometria viene eseguita per i sintomi della perdita dell'udito.
  • È obbligatorio un esame istologico del materiale tissutale prelevato durante la chirurgia dell'ateroma..

I sintomi di una neoplasia da ritenzione della ghiandola sebacea nel condotto uditivo sono più specifici delle manifestazioni di un ateroma comune in un'altra area del corpo. Anche una piccola cisti può causare dolore, influenzare i parametri audiometrici dell'udito e provocare mal di testa. Un ateroma infiammato particolarmente pericoloso, incline alla suppurazione. L'apertura spontanea di una formazione purulenta, in un modo o nell'altro, infetta il condotto uditivo e comporta il rischio di infezione delle strutture più profonde dell'apparecchio acustico, pertanto qualsiasi neoplasia atipica in quest'area necessita di cure mediche immediate.

La rimozione dell'ateroma del condotto uditivo è considerata una procedura abbastanza semplice, di regola la cisti è localizzata in un luogo accessibile a uno strumento chirurgico. L'enucleazione dell'ateroma viene eseguita per 20-30 minuti in anestesia locale e spesso non richiede sutura, poiché le cisti in quest'area non sono in grado di crescere a dimensioni gigantesche, cioè non richiedono una grande incisione per la schiusa.

Diagnosi di ateroma dietro l'orecchio

Le neoplasie benigne dell'orecchio sono molto più comuni dei tumori maligni, ma nonostante la loro superiorità quantitativa, sono meno studiate. Per quanto riguarda le cisti e le formazioni simili a tumori del tessuto sottocutaneo, finora l'unico metodo differenziale è l'esame istologico, il materiale per il quale viene prelevato durante la rimozione chirurgica della cisti.

Una diagnosi accurata dell'ateroma dietro l'orecchio è importante, poiché le cisti da ritenzione da segni esterni differiscono poco da tali malattie:

  • Fibroma.
  • Condroma.
  • Papilloma.
  • Foruncolo interno del tessuto sottocutaneo.
  • Linfoangioma nella fase iniziale di sviluppo.
  • Lipoma.
  • Verruca.
  • Linfoadenite.
  • Cisti dermoide dietro l'orecchio.

Metodi consigliati, che dovrebbero includere la diagnosi differenziale dell'ateroma dietro l'orecchio:

  • Prendendo l'anamnesi.
  • Esame esterno dell'area dietro l'orecchio.
  • Palpazione di neoplasie e linfonodi regionali.
  • Radiografia del cranio.
  • Tomografia computerizzata del cranio.
  • È auspicabile un'otoscopia (esame del canale uditivo interno).
  • Ultrasuoni della zona linfatica nell'area dell'ateroma.
  • Citologia degli strisci dal canale uditivo interno.
  • Biopsia con esame istologico del materiale (generalmente eseguita durante l'intervento chirurgico).

Oltre all'otorinolaringoiatra, un dermatologo, possibilmente un dermato-oncologo, dovrebbe essere coinvolto nelle misure diagnostiche.

Prima della rimozione dell'ateroma, di regola, sono prescritti i seguenti test:

  • UAC - emocromo completo.
  • Chimica del sangue.
  • Analisi delle urine, compreso lo zucchero.
  • Fluorografia del torace.
  • Sangue su RW.

L'ateroma dietro l'orecchio, sebbene sia considerato una neoplasia benigna che non è incline a malignità, a causa della sua specifica localizzazione e tendenza all'infiammazione, deve essere determinato nel modo più accurato e specifico possibile, pertanto metodi diagnostici aggiuntivi, non importa quanto complicati siano, sono considerati necessari per eliminare il rischio diagnosi errata.

Trattamento dell'ateroma del lobo dell'orecchio

Il lobo dell'orecchio è un luogo tipico per la formazione di una cisti di ritenzione, poiché ci sono poche ghiandole sebacee nell'orecchio stesso (nel guscio), è costituito interamente da tessuto cartilagineo. Il trattamento dell'ateroma del lobo dell'orecchio prevede l'uso di diversi metodi, ma sono tutti chirurgici. Tali operazioni sono completamente indolori, la procedura viene eseguita in anestesia locale e ai bambini piccoli sotto i 7 anni viene mostrata l'anestesia generale..

Va notato che non un singolo metodo di terapia conservativa, in particolare ricette popolari, è in grado di dissolvere la cisti a causa della sua struttura. La capsula dell'ateroma è piuttosto densa, il contenuto è una densa secrezione sebacea intervallata da cristalli di colesterolo, quindi, anche riducendo le dimensioni della neoplasia o provocando l'apertura di una cisti in putrefazione, sarà impossibile liberarsi della sua recidiva.

Il trattamento dell'ateroma del lobo dell'orecchio viene effettuato nei seguenti modi operativi:

  1. Enucleazione di ateroma con aiuto. Bisturi. In anestesia locale, viene praticata una piccola incisione, il contenuto della cisti viene schiacciato su un vecchio tovagliolo, la capsula viene asportata completamente all'interno del tessuto sano. La sutura sul lobo dell'orecchio dopo l'operazione rimane minima e cresce eccessivamente entro un mese e mezzo.
  2. La rimozione della cisti laser è considerata efficace se il tumore è piccolo e non mostra segni di infiammazione.
  3. Il metodo delle onde radio più efficace, che fornisce un risultato del 100% in termini di eliminazione delle ricadute. Inoltre, questo metodo non richiede traumi ai tessuti e suture, un'incisione in miniatura guarisce dopo 5-7 giorni e una piccola cicatrice si dissolve entro 3-4 mesi

Qualunque sia il metodo di trattamento dell'ateroma dietro l'orecchio scelto dal medico curante, durante la procedura, il tessuto cistico viene necessariamente inviato per esame istologico per eliminare il potenziale rischio di possibili complicanze.

Trattamento dell'ateroma dietro l'orecchio

Ovunque si trovi l'ateroma, indipendentemente dalla sua posizione, viene rimosso solo chirurgicamente. I cosiddetti metodi o proposte popolari per trattare una cisti di ritenzione con l'aiuto di agenti medicinali esterni non danno un risultato e talvolta ritardano il processo, di conseguenza, l'ateroma si infiamma, si suppura e si trasforma in un ascesso, che è molto più difficile da rimuovere, e l'operazione lascia una cicatrice postoperatoria visibile.

A causa del fatto che il trattamento dell'ateroma dietro l'orecchio comporta la dissezione dei tessuti vicino alla posizione di grandi vasi sanguigni e linfonodi, il paziente viene sottoposto a un esame preliminare dettagliato, diagnostico dello stato di salute. In generale, tali operazioni appartengono alla categoria degli interventi chirurgici minori, tuttavia la localizzazione dell'ateroma richiede l'attenzione del medico. Più accuratamente viene eseguita la procedura, minore è il rischio di possibili ricadute, a cui sono così inclini le cisti di ritenzione delle ghiandole sebacee..

Oggi esistono tre metodi generalmente accettati per neutralizzare l'ateroma:

  • Il metodo chirurgico tradizionale, quando la cisti viene asportata con un bisturi. Questo metodo è considerato abbastanza efficace, specialmente contro gli ateromi purulenti. Una cisti infiammata richiede un'apertura e un drenaggio iniziali. Quindi viene trattato sintomaticamente, dopo che tutti i segni del processo infiammatorio scompaiono, l'ateroma viene completamente asportato. Dopo tali operazioni, rimane inevitabilmente una cicatrice, che viene "nascosta" con successo dal padiglione auricolare o dall'attaccatura dei capelli.
  • Un metodo più delicato è la rimozione laser dell'ateroma, che è efficace se la cisti non supera i 3 centimetri di diametro e non mostra segni di infiammazione. L'incisione viene comunque praticata, ma si coagula allo stesso tempo, quindi tali operazioni sono praticamente senza sangue, vengono eseguite rapidamente e la sutura si dissolve entro 5-7 giorni.
  • Negli ultimi 5 anni, il metodo più popolare è diventato il metodo delle onde radio per rimuovere le cisti sottocutanee e altre formazioni benigne nell'orecchio e nella testa. Con l'ausilio del "radio coltello" la cavità cistica viene "evaporata" insieme alla capsula, mentre l'incisione del tessuto è minima, quindi non c'è cicatrice postoperatoria e difetto estetico..

Nessun altro metodo, né la moxibustione, né l'applicazione di impacchi, darà un risultato terapeutico, quindi non devi aver paura dell'operazione, che deve essere eseguita il prima possibile per evitare il rischio di infiammazione o suppurazione dell'ateroma.

L'ateroma dietro l'orecchio si riferisce a neoplasie benigne che sono quasi impossibili da prevenire, ma con i risultati della medicina moderna, è sufficiente neutralizzarli semplicemente. Hai solo bisogno di consultare un medico in tempo, sottoporsi a una diagnosi completa e decidere una procedura completamente indolore.